Wonderland: parco divertimenti Disney abbandonato in Cina
Wonderland: parco divertimenti Disney abbandonato in Cina
Viaggi

Wonderland: parco divertimenti Disney abbandonato in Cina

parco divertimenti
Wonderland

Wonderland è un parco divertimenti fantasma ubicato nell’immensa Cina. È uno dei 10 posti più lugubri e spaventosi dell’intero pianeta

È bene evidenziare che il nome completo del noto parco divertimenti cinese sarebbe Wonderland Amusement Park Chenzhuang Village. Tale parco divertimenti si trova a soli 45 minuti di macchina da Pechino. Se siete delle persone che sono appassionate di parchi divertimento non cercate di acquistare i biglietti…E questo perché il parco venne iniziato negli anni ’90 per poi essere del tutto abbandonato a se stesso.
Il parco divertimenti di Wonderland, Cina, viene da molti considerato come uno dei dieci luoghi più spaventosi dell’intero pianeta.
parco divertimenti

Dove sorge parco divertimenti Wonderland?

Nel borgo cinese di Chenzhuang, ad oltre una ventina di kilometri dal centro di Beijing, sorgono le rovine di questo immenso parco divertimenti. Tutto questo destinato ad essere abbandonato prima del tempo. Alcuni casolari e degli ampi terreni circondano il parco.
Molti dei terreni limitrofi al parco risultano addirittura essere coltivati. Ma è una cosa alquanto improbabile imbattersi in chi li coltiva. Gli altri campi sono spogli e aridi per tutto l’anno.
I lavori di costruzione di Wonderland (che sarebbe dovuto diventare “il più ampio parco dei divertimenti dell’intera Asia”) si fermarono improvvisamente 19 anni fa (e precisamente: nel 1998). Tutto questo dopo dei ripetuti diverbi tra gli impresari edili e i proprietari dei terreni.

L’oggetto del contendere era il prezzo della terra.
parco divertimenti

Descrizione del parco divertimenti cinese di Wonderland

Wonderland è la città delle meraviglie abbandonate. Nove anni fa ci fu un tentativo per riprendere il progetto. Ma per sfortuna il tentativo fallì nuovamente.
Il parco divertimenti di Wonderland doveva essere perfettamente in stile Made in China. E tutto ciò sempre sulla falsa riga del noto parco di Disneyland. Questo come dimostra lo scheletro del castello lasciato lì a metà senza essere mai stato terminato.
È bene rilevare che Wonderland doveva diventare uno dei parchi divertimento più ampi del distretto di Pechino. Tutto ciò sulla via per la Grande Muraglia.
parco divertimenti

Il progetto del parco divertimenti di Wonderland

Il progetto iniziale era molto ambizioso e prevedeva la creazione di diverse attrazioni in grado di intrattenere sia i bambini che gli adulti. Erano inoltre previste strutture ricettive turistiche di una determinata serie di livelli. Tutto questo avrebbe costituita una grandiosa fonte di lavoro per la gente del luogo e tutta la popolazione.
In poco tempo Wonderland è diventato un esempio di speculazione edilizia del tutto fallimentare.

È il classico modello di architettura abbandonata. Attualmente questo è il classico patrimonio immobiliare in disuso per effetto della bolla cinese.
parco divertimenti

Alcune immagini e descrizioni del luogo

Nell’area interessata sorgono delle rovine moderne a cielo aperto. Queste diventano l’oggetto e la meta dell’esplorazione urbana. Sono il simbolo di affascinanti luoghi del tutto abbandonati che David Grey (noto fotografo della Reuters), e Catherine Hyland (anch’ella professionista fotografa) con maestria hanno saputo immortalare. Tutti gli scatti dei due fotografi sono davvero evocativi e affascinanti.
Vedendo le foto scattate da David Grey e Catherine Hyland proverete a compiere un viaggio col pensiero: la vostra mente si immergerà in qualcosa di unico. Ogni foto descrive un ambiente particolare: una inquietante e lugubre serie di scheletri di cemento. Questi ultimi si alternano a degli edifici maggiormente rifiniti. Le costruzioni sono del tutto isolate in mezzo ad aree verdi coltivate a granoturco. Oltre a ciò è da segnalare la presenza di animali e degli individui che non sanno giustificare la presenza di tale scempio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche