×

World Economic Forum 2011

Il World Economic Forum è un’organizzazione internazionale indipendente che raccoglie leader politici, accademici, uomini d’affari di tutto il mondo per costruire insieme l’agenda globale, regionale e industriale.
L’incontro, di cinque giorni, si tiene annualmente a Davos, cittadina svizzera nel Canton Grigioni. Sono arrivati 69 miliardari, provenienti da venti diversi paesi; ben 20 di loro sono statunitensi, seguiti dai 17 indiani. Per alcuni di loro non si tratta del primo anno: Bill Gates, ad esempio, è già al suo sedicesimo anno.
L’evento è durato dal 26 al 30 gennaio.

Ecco la lista dei partecipanti, in ordine di valore economico in dollari:

Bill Gates Usa
Sergey Brin Usa
George Soros Usa
Michael Dell Usa
Steven A. Cohen Usa
Jim Goodnight Usa
Rupert Murdoch Usa
Eric Schmidt Usa
Charles W.

Ergen Usa
Stephen Schwartzman Usa
Henry Kravis Usa
Nicholas Berggruen Usa
H. Fisk Johnson Usa
David Rubenstein Usa
Marc Benioff Usa
Louis Bacon Usa
Thomas Pritzker Usa
Henry Ross Perot Jr. Usa
Jonathan Nelson Usa
Scott Cook Usa
Mukesh Ambani India
Lakshmi Mittal India
Azim Premji India
Ravi Ruia India
Kushal Pal Singh India
Sunil Mittal India
Kumar Birla India
Adi Godrej India
Malvinder Singh India
Uday Kotak India
Rahul Bajaj India
Ajay Piramal India
Baba Kalyani India
Nandan Nilekani India
Kris Gopalakrishnan India
Vijay Mallya India
Naresh Goyal India
Vladimir Lisin Russia
Oleg Deripaska Russia
Vagit Alekperov Russia
Alexei Mordashov Russia
Vladimir Yevtushenkov Russia
Viktor Vekselberg Russia
Leonid Mikhelson Russia
Dmitry Pumpyansky Russia
Roustam Tariko Russia
Elizabeth Mohn Germania
Hubert Burda Germania
Friede Springer Germania
Stefan Von Holtzbrinck Germania
Sri Prakash Lohia Indonesia
Chairul Tanjung Indonesia
Ernesto Bertarelli Svizzera
Thomas Schmidheiny Svizzera
Ferit Sahenk Turchia
Tuncay Ozilhan Turchia
Jim Balsillie Canada
Zhang Xin Cina
Mario Moretti Polegato Italia
Timur Kulibaev Kazakhstan
Najib Mikati Libano

Quest’anno il Forum si è concentrato sulle sfide del governo mondiale: le istituzioni internazionali sono capaci di fronteggiare i problemi attuali alla luce dei recenti spostamenti nel potere globale?
Per quanto riguarda l’Europa, Angela Merkel e Nicolas Sarkozy si mostrano determinati a difendere l’euro, perché “se fallisce l’euro, fallisce l’Europa”.

Ha parlato anche il Ministro Tremonti, secondo cui i paesi industrializzati devono “ridurre il budget”, ma anche “conservare e garantire il welfare state e la democrazia … In molti temono la globalizzazione e l’ignoto. Ecco perché in molte aree si vede riemergere i partiti dell’estrema destra”.

Il 29 gennaio circa cento dimostranti hanno manifestato contro il summit; si trattava di un gruppo di anarchici svizzeri che portavano striscioni con scritto “Basta con il capitalismo”, “Stop all’erosione dei salari”. Una di loro, Karin Stiffner, ha affermato: “Sono venuti qui per fare business, mangiare, bere e darsi pacche sulle spalle … e non penso che abbiano alcuna intenzione di aiutare la gente, ridurrebbe i loro profitti”. Dopo il massiccio intervento della polizia, comunque, non hanno continuato le proteste.

Il link al sito ufficiale

Leggi anche