XXXVI Stagione di Musica da Camera ad Alba - Notizie.it
XXXVI Stagione di Musica da Camera ad Alba
Attualità

XXXVI Stagione di Musica da Camera ad Alba

Alba – 36 stagioni per la più antica manifestazione culturale albese a cura dell’Istituto Civico Musicale L. Rocca e in collaborazione con Piemonte dal Vivo e AS.AM.I.MUS.
Venerdì 5 aprile nella Chiesa di S. Giuseppe di Alba, alle ore 21.15, Concerto per tromba e pianoforte di Gabriele Cassone e Nicola Davico. Musiche di Handel, Mozart, Verdi e, in conclusione, viaggio nella penisola tra le atmosfere partenopee delle variazioni sulla canzone “Funiculì, funiculà” di Bellstedt e il Carnevale di Venezia di Arban.
Il 6 aprile alla Chiesa di San Domenico, tra i Portraits della mostra di Paolo Galetto, il concerto “Aspettando Vinum 2013” con il Trio Damase (alias Elisa Parodi e Alberto Barletta al flauto e Clara Dutto al pianoforte).
Alcuni dei titoli “a tema” di questo particolare programma: “Tafelmusik Trio” di Telemann; “La bouillabaisse, la vite e l’ulivo” di Schnyder, “Baccanale” di Saint-Saens e “Fin ch’han dal vino” di Mozart.
La stagione si concluderà il 13 aprile nel Santuario della Natività a Mussotto d’Alba con l’esibizione del violinista Andrea Bertino e di Alberto Fantino alla fisarmonica.
Ogni data costituisce la prosecuzione, aperta al pubblico, dei seminari pomeridiani di tecnica strumentale e studio del repertorio riservati agli allievi dell’Istituto Musicale.
Accompagna ciascun concerto l’appuntamento di “Guida all’ascolto” curata dal Prof.

Nicola Davico. Ingresso gratuito.

Venerdì 5 aprile 2013, ore 21.15
Chiesa di San Giuseppe

Concerto per Tromba e Pianoforte

G. F. Handel
Overture

W. A. Mozart – J. Kail
Romanza

G. Verdi
Adagio

A. Ponchielli
Concerto

H. Bellstedt
Napoli
Variazioni su la canzone “Funiculì, funiculà”

J. B. Arban
Carnevale di Venezia

Gabriele Cassone, tromba
Nicola Davico, pianoforte

Gabriele Cassone, si è diplomato in tromba con il Maestro Mario Catena e in composizione con il Maestro Luciano Chailly. Concertista riconosciuto in tutto il mondo, è apprezzato sia nell’interpretazione della musica su strumenti d’epoca (tromba naturale barocca, tromba classica a chiavi, tromba romantica a cilindri e cornet à pistons) sia nell’esecuzione del repertorio contemporaneo. Luciano Berio lo ha scelto per eseguire suoi brani con tromba solista: Sequenza X per tromba sola e, in prima assoluta, Kol-Od, sotto la direzione di Pierre Boulez con l’Ensemble Intercontemporain. Successivamente ha suonato in scena con il trombonista C.

Lindberg, nell’opera di Berio Cronaca del Luogo, commissionata dal Festival di Salisburgo. Famosi direttori lo hanno chiamato per eseguire I brani più virtuosistici del repertorio solistico: Sir John Eliot Gardiner lo ha nominato tromba principale degli English Baroque Soloists per l’esecuzione dell’integrale delle Cantate di J.S.Bach e per il Secondo Concerto Brandeburghese. Ton Koopman, direttore dell’Amsterdam Baroque Orchestra, lo ha voluto per registrare la Cantata BWV 51 di J.S.Bach. Sempre nell’ambito della musica barocca, ha fondato insieme ad Antonio Frigé (con il quale suona anche in duo) l’Ensemble Pian & Forte. Si è esibito come solista nei maggiori teatri del mondo: Concertgebouw di Amsterdam, Cité de la Musique di Parigi, Scala di Milano, Mozarteum di Salisburgo, Carnegie Hall di New York, Queen Elizabeth Hall a Londra e Wiener Konzerthaus. Ha pubblicato più di 20 Cd con brani dal repertorio barocco fino al contemporaneo.

Gabriele Cassone è docente presso il Conservatorio di Novara e tiene corsi annuali di alta specializzazione presso l’Accademia di Santa Cecilia a Roma nonchè seminari negli Stati Uniti d’America e in tutta Europa. È sovente nominato membro di giurie nei più prestigiosi concorsi internazionali.

Nicola Davico si diploma giovanissimo in Pianoforte (1996) con il M° Valter Protto presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino e si laurea con lode in Letteratura tedesca all’Università della stessa città (2004). Sempre nel 2004 segue il corso annuale di direzione d’orchestra su repertorio contemporaneo organizzato dal Divertimento Ensemble con la direzione artistica del M° Sandro Gorli. Nel 2005 si diploma in Composizione sotto la guida del M° Giulio Castagnoli per proseguire gli studi all’Universität der Künste (Università delle arti) di Berlino (2005-2006). Nel 2009 consegue con lode la Laurea di II livello in Composizione con il M° Giuseppe Elos. Vincitore di concorsi pianistici nazionali ed internazionali, ha all’attivo numerosi concerti solistici e collaborazioni con solisti prestigiosi.

È stato relatore in importanti conferenze in Italia e all’estero (Bangor, Salonicco, Vilnius, Atene, Lisbona, Tblisi) riguardanti in particolar modo la produzione musicale moderna e contemporanea. Alcune sue composizioni per orchestra da camera e sinfonica sono state eseguite in importanti sedi (Accademia di Belle Arti di Torino, Palazzo Promotrice delle Belle Arti di Torino, Salone del Conservatorio di Torino, Teatro Sociale di Alba). Tra i suoi ultimi lavori, il Diptych – Homage to F.K. gli è valso il I premio all’VIII Concorso Internazionale di Alice Bel Colle 2009. È autore del saggio monografico Oltre – Robert Schneider e l’esplorazione dell’incomprensibile (2005, Firenze Libri – Maremmi Editori), dedicato al famoso scrittore austriaco. Ha tradotto dal tedesco i libri Arvo Pärt allo specchio (2004, Il Saggiatore), il primo studio di vaste proporzioni sul celebre compositore estone, Musiche della Corea (2007, BMG Ricordi), contenente articoli sulla civiltà e sulla cultura musicale coreana, e parte del volume Lachenmann – Rihm: conversazioni e scritti (2010, BMG Ricordi). Ha curato inoltre la traduzione dei testi aggiuntivi per l’allestimento speciale de La Vedova Allegra di F.

Lehár (settembre 2005) presso il Teatro Regio di Torino, in collaborazione con la Volksoper di Vienna. È stato assistente del prof. Enzo Restagno, direttore artistico del festival internazionale MITO Settembre Musica, al quale partecipa attivamente nelle vesti di germanista e di musicologo. Insegna “Pianoforte” e “Esercitazioni Orchestrali” presso l’Istituto Musicale di Canale e del Roero e “Armonia” e “Storia della musica” presso il Civico Istituto Musicale “Lodovico Rocca” di Alba.

Sabato 6 aprile 2013 – ore 21.15
Chiesa di San Domenico

Aspettando Vinum 2013

G.Ph. Telemann: Tafelmusik Trio

D. Schnyder: “La bouillabaisse, la vite e l’ulivo”
dalla Suite Provencale per 2 flauti

C. Saint-Saens: Baccanale
Trascrizione per 2 Flauti e Piano
a cura di Alessandro Alexovits

J. M. Damase: Trio

W. A. Mozart: Aria “Fin ch’han dal vino” duetto
Trascrizione a cura di Alessandro Alexovits

G. Schocker:Three Dances
for Two Flutes and Piano

C. Caliendo: Caliente (Hot)
2 Flutes and Piano

TRIO DAMASE

Alberto Barletta, flauto
Elisa Parodi, flauto
Clara Dutto, pianoforte

Alberto Barletta, nato nel 1964 a Taurasi (AV), ha studiato presso il Conservatorio “D.

Cimarosa” di Avellino con Vasco Degli Innocenti, dove si è diplomato con il massimo dei voti. Si perfeziona i suoi studi in flauto con Mario Ancillotti, Patrick Gallois, Glauco Cambursano e in musica da camera con Ovidio Danzi. Nel 1988 è vincitore della selezione per l’Orchestra Giovanile Italiana. Nello stesso anno, con la collaborazione di alcuni componenti dell’Orchestra “A. Scarlatti” di Napoli, fonda l’omonimo Quintetto di Fiati che ben presto s’impone all’attenzione nazionale vincendo nel 1989 il primo premio per la musica da camera alla XIII edizione del Concorso“F. Cilea”di Palmi. Dal 1996 fa parte del Quintetto “Arnold”. Già 1°flauto dell’Orchestra “A. Toscanini” di Parma, è stato 1° flauto dell’Orchestra “A. Scarlatti” di Napoli e dell’Orchestra della RAI di Roma. Attualmente ricopre lo stesso ruolo nell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, con la quale si è esibito anche in veste di solista sotto la direzione di Jeffrey Tate, Claire Gibault , Alan Miller, Gorge Pehelivanian e Pascal Rophé. Partecipa regolarmente all’attività cameristi- ca dell’Orchestra Sinfonica Nazionale tenendo concerti in Italia e all’estero in varie formazioni. E’ stato docente presso la scuola di “Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo”. Ha inciso per la “Nuova Era” e la “Stradivarius”.

Elisa Parodi, nata a Genova, brillantemente diplomata in Flauto presso il Conservatorio della sua città sotto la guida del M° Renzo Gnemmi, ha conseguito con Lode il Diploma di Solista presso la Musikhochschule di Lugano con il M° Mario Ancillotti. Si è perfezionata con il Maestro Janos Balint e il M° A.Barletta (1°Flauto dell’Orch. Sinf. della RAI).Ha conseguito il Diploma di Musica da Camera con il M° Piernarciso Masi.Premiata in numerosi concorsi musicali nazionali ed internazionali ( premio speciale “A. Tassinari” città di Cento – Primo Premio con Borsa di Studio, molti altri in varie formazioni musicali). Nel Dicembre 2008 ha vinto il 1° premio assoluto nella sez. musica da camera con il Duo Kerylos (flauto e arpa) al concorso “C.Togni” di Brescia e si sono esibite recentemente ai prestigiosi Ravenna Festival e al Festival Mito di Milano. Collabora assiduamente con prestigiose compagini sinfoniche e da camera Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Columbus Orchestra di Genova, Orchestra da camera N. Paganini, Orchestra del Regio di Torino, Orchestra dell’Università di Milano, dell’Orchestra Classica di Alessandria, Filarmonica ‘900 del Teatro Regio di Torino, Orchestra Camerata Ducale, Teatro Carlo Felice di Genova, della Fondazione Arena di Verona,Orchestra Sinfonica di San Remo, 1° flauto dell’Orchestra Sinfonica di Asti. (ha collaborato con illustri Maestri: H.Holliger, G.Bernasconi, M. Brunello, K.Martin, P.Borgonovo, B.Campanella, D. Oren, D. Renzetti, M. Rota, G. Noseda, ecc…E’ Solista del famosissimo gruppo “Rondò Veneziano” e questo l’ha portata a suonare nelle più prestigiose sale d’Europa (Vienna, Berlino, Mosca, Monaco, Lipsia, Basilea, ecc..) Nel settembre 2003 ha registrato in veste di solista il concerto di W.A.Mozart in sol magg. K.313 accompagnata dall’Orchestra della Radio Svizzera Italiana di Lugano. Recentemente ha ottenuto l’idoneità alle ultime audizioni presso il Teatro alla Scala di Milano.E’ docente della classe di Flauto presso l’Istituto Civico Musicale di Alba.

Clara Dutto ha studiato pianoforte nel Conservatorio della sua città diplomandosi nel 1997 con il massimo dei voti. Ha poi proseguito la propria formazione con i Maestri Bruno Canino, Franco Scala, Giovanni Valentini e Andrea Lucchesini. Sin da giovanissima si è dedicata alla studio del repertorio cameristico, seguendo le masterclass del M° Pier Narciso Masi, dell’Altenberg Trio Wien e del Trio Debussy.
Svolge attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche e ha suonato in tutta Italia con vivo successo per importanti Associazioni e Festival ( Festival Pontino, Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, Orchestra Filarmonica di Torino, Amici Nuovo Carlo Felice, Agimus, Festival delle Alpi Marittime, Festival di Musica da Camera “Città di Lucca”, etc.).
Dal 2005 è pianista accompagnatrice del M° Bruno Giuranna presso l’Accademia “Walter Stauffer” di Cremona; ha collaborato con i Maestri Sonig Tchakerian e Francesco Manara (violino), Diemut Poppen e Simonide Braconi (viola), Enrico Dindo (violoncello) e Alberto Bocini (contrabbasso), Walter Boeykens e Calogero Palermo (clarinetto) e Carlo Colombo (fagotto), dal 2005 presso la Scuola di Alto perfezionamento di Saluzzo; con il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro e con il Conservatorio “G.Ghedini” di Cuneo in seguito a selezione pubblica e dal 2007 è accompagnatrice del Concorso Internazionale di musica “Città di Chieri”. Nel 2010 ha conseguito il Diploma Accademico di 2° livello presso il Conservatorio “G.Ghedini” di Cuneo nella scuola di Pianoforte – Musica da Camera con il massimo dei voti e la lode.
Ha insegnato Pratica della Lettura Vocale e Pianistica per Didattica della Musica presso il Conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche