×

Zaia: “Probabilmente torneremo in zona gialla, 83% dei pazienti in rianimazione non sono vaccinati”

Zaia ha annunciato che probailmente il Veneto tornerà in zona gialla: i ricoveri in terapia intensiva e l'incidenza hanno già superato le soglie.

zaia zona gialla

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha commentato la situazione contagi in Veneto ammettendo che probabilmente la regione tornerà in zona gialla entro qualche settimana: due dei tre parametri per lasciare la fascia bianca (incidenza e occupazione delle terapie intensive) sono già stati superati.

Zaia sul Veneto in zona gialla

Intervistato dal Corriere della Sera, l’esponente leghista ha definito il Veneto una sorta di laboratorio e ribadito l’importanza di fare il vaccino. Chi è immunizzato, ha spiegato, ha 6,8 volte in meno la possibilità di infettarsi e 8 volte in meno la possibilità di essere ricoverato. “Da noi, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono per l’83% non vaccinati così come in corsia il 53%“, ha evidenziato.

Numeri molto elevati considerando che i non vaccinati costituiscono soltanto il 14% della popolazione.

Quanto all’aumento dei contagi, Zaia non ha nascosto la sua preoccupazione ma ha anche affermato che i tanti casi rilevati sono anche conseguenza dell’elevato numero di tamponi effettuati. La sua è infatti la regione che testa maggiormente in Italia e il rapporto tra test fatti e soggetti positivi è inferiore alla media nazionale.

Zaia sul Veneto in zona gialla: “Probabilmente ci torneremo”

Per ciò che riguarda l’eventuale passaggio di zona, il governatore ha ammesso che “probabilmente entreremo di nuovo in fascia gialla”. L’incidenza è superiore a 50 e le terapie intensive occupate sopra la soglia del 10%: manca soltanto il superamento del tasso di occupazione dell’area medica del 15% (attualmente è all’11%) per trovarsi a reintrodurre le restrizioni del giallo.

Contents.media
Ultima ora