Zidane, addio al Real Madrid: Conte andrà in Spagna
Zidane, addio al Real Madrid: Conte andrà in Spagna
Sport

Zidane, addio al Real Madrid: Conte andrà in Spagna

Dopo l'annuncio di "Zizou", il Real cerca un sostituto. Conte, che secondo indiscrezioni passerà le vacanze in Spagna, è l'opzione più credibile.

Un annuncio improvviso che ha spiazzato tutti. Con una conferenza tenuta nel primo pomeriggio di giovedì 31 maggio, Zinédine Zidane ha reso pubblico il suo addio al Real Madrid, squadra che lascia dopo due stagioni e mezzo da allenatore che hanno portato in dote alle “Merengues” tre Champions League vinte. Il tecnico francese, al fianco del presidente Florentino Perez, ha motivato la sua decisione dicendo che “per me e per tutti credo che sia meglio cambiare“.La scelta inaspettata apre obbligatoriamente nuovi scenari di mercato, con il club spagnolo chiamato a scegliere un sostituto: tra gli allenatori attualmente disponibili o in procinto di liberarsi, la candidatura di Antonio Conte è probabilmente la più forte. L’italiano dovrebbe infatti separarsi dal Chelsea, e indiscrezioni dall’ambiente leccese lo vorrebbero in vacanza in Spagna, dove potrebbe incontrare gli emissari del Real Madrid per trovare un accordo.

Zidane lascia il Real Madrid

A meno di una settimana di distanza dal suo terzo e ultimo trionfo in Champions League, in finale contro il Liverpool, Zinédine Zidane ha comunicato la fine del suo mandato da allenatore del Real Madrid.

Lo ha fatto nella giornata di giovedì 31 maggio, durante la quale si è presentato in una conferenza stampa organizzata all’ultimo insieme al presidente dei “Blancos” Florentino Perez.

Ai giornalisti che attendevano, Zidane ha annunciato la sua scelta di separarsi dal club dopo due stagioni e mezzo che l’hanno visto fare qualcosa di straordinario, guidando la squadra alla vittoria di tre Champions League consecutive. “Ho preso questa decisione perché amo molto questa società e credo che in questo momento, per il bene mio e di tutti, è meglio cambiare e non continuare insieme nella prossima stagione”, ha detto “Zizou” alla stampa.

Un’autentica bomba per l’ambiente Real Madrid, che stava già affrontando le ultime dichiarazioni di Cristiano Ronaldo, anche lui apparentemente vicino all’addio.

I sostituti, Conte favorito

A questo punto, il club madrileno si ritrova all’improvviso a dover pensare a un sostituto all’altezza. Ci sarebbe la candidatura di Guti, attualmente allenatore delle giovanili del Real Madrid, che compierebbe dunque un salto simile a quello fatto da Zidane nel gennaio 2016.

Ma considerato il momento estremamente delicato, è più facile che i “Blancos” optino per opzioni più sicure. Tra gli allenatori disponibili, però, sia Sarri, per un profilo poco internazionale, che Luis Enrique, troppo legato al Barcellona, sembrano scelte improbabili. Pochettino, altra personalità stimata dall’ambiente di Madrid, ha invece appena rinnovato col suo Tottenham.

Ecco perché Florentino Perez potrebbe dunque guardare ad Antonio Conte, che sembra in procinto di separarsi dal Chelsea dopo una stagione poco felice. Non è infatti un mistero l’apprezzamento del presidente del Real Madrid verso il tecnico italiano, riportata a più riprese dalla stampa spagnola e inglese nel 2017 nei momenti di maggiore difficoltà di Zidane.

L’ammirazione potrebbe dunque concretizzarsi adesso, con un trasferimento che accontenterebbe sia la società madrilena, in cerca di una guida sicura, che lo stesso allenatore del Chelsea, alla ricerca di un altro palcoscenico prestigioso dove proseguire la sua carriera.

Le conferme su un possibile passaggio a Madrid arrivano anche da persone molto vicine al tecnico nell’ambiente leccese, secondo le quali Conte non avrebbe intenzione di tornare in Italia e, invece di trascorrere l’estate sulle spiagge di Porto Cesareo come solito, sta programmando le sue vacanze a Mykonos o, più probabilmente, sull’isola spagnola di Formentera. Qui, l’ex allenatore della Juventus potrebbe incontrare gli emissari del Real Madrid, o lo stesso presidente Perez, per discutere le basi di un accordo.

A livello simbolico, Conte rappresenterebbe la continuazione di quel filo che lega ormai da anni Juventus e Real Madrid: dai giocatori che hanno vestito entrambe le maglie (Zidane e Morata), alle ripetute sfide di Champions League tenutesi nell’ultimo decennio. Per questi motivi l’approdo dell’italiano nella capitale spagnola sembrerebbe il tassello ideale per completare il puzzle di mercato.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Alessandro Bai
Alessandro Bai 189 Articoli
Alessandro Bai, nato nel 1991 a Milano, città che ama ma da cui non può fare a meno di spostarsi (e ritornare, sempre). Una mamma brasiliana, un anno di studi in Inghilterra e la passione per le lingue mi hanno dato l'apertura mentale che cerco di riportare nel giornalismo. Racconto di sport per fare emozionare.