> > Riforme: Zingaretti, 'Italia non è in buone mani, autonomia e pre...

Riforme: Zingaretti, 'Italia non è in buone mani, autonomia e premierato dannose'

default featured image 3 1200x900

Roma, 19 giu. (Adnkronos) - “L'Italia non è in buone mani. La destra per rispondere a interessi di partito ha voluto votare di corsa due leggi dannose per l'Italia. Il premierato colpisce il ruolo del Presidente della Repubblica, l'arbitro del gioco". Così sul...

Roma, 19 giu. (Adnkronos) – “L'Italia non è in buone mani. La destra per rispondere a interessi di partito ha voluto votare di corsa due leggi dannose per l'Italia. Il premierato colpisce il ruolo del Presidente della Repubblica, l'arbitro del gioco". Così sull’Huffington post il deputato democratico, Nicola Zingaretti.

"Lo colpisce perché con l'elezione diretta conferisce molto potere al Premier, cioè a una parte, a un giocatore, che diventa così più forte dell'arbitro. Un'anomalia assoluta. E poi l'autonomia differenziata che divide l'Italia. Siamo 60 milioni, per farcela in competizione con paesi di 1 miliardo e mezzo di persone dovremmo essere ancora più coesi. L'Italia unita, più semplice e più giusta può garantirci, nella cornice europea, un futuro migliore e permetterci di giocare un ruolo nel mondo. Venti Regioni divise no".

"Creeranno al contrario debolezza e ingiustizia. Questo processo di riforme è il prodotto di ricatti reciproci tra i tre partiti di maggioranza: a Forza Italia la giustizia, alla Lega lo spacca Italia e al partito di Giorgia Meloni la legge sul premierato. Nessuna visione per il futuro ma costi enormi per il Paese. La verità è che la destra vuole il superamento della Repubblica fondata nel 1948”.