Allergia alla birra: sintomi e rimedi

Salute

Allergia alla birra: sintomi e rimedi

Allergia alla birra
Allergia alla birra: sintomi e rimedi

La birra è una delle bevande più consumate al mondo. Gli ingredienti che la costituiscono possono però dare origine ad allergie. Conosciamo meglio sostanze e sintomi.

La birra è una delle bevande alcoliche più amate al mondo. Si ottiene dal malto d’orzo con l’aggiunta poi di luppolo, utile per la conservazione e il retrogusto amaro. Il composto così ottenuto viene fatto fermentare con lieviti, divenendo alcolico. Essere allergico alla birra può essere una notevole limitazione, soprattutto quando ci si trova in situazione conviviali tra amici. Fortunatamente è una condizione rara. Più frequentemente si è infatti allergici ad uno o più degli ingredienti di cui questa bevanda è costituita.

Potenziali allergeni

La birra può contenere frumento, luppolo, orzo, segale o mais e lievito. Reazioni allergiche alimentari a queste sostanze possono essere orticaria o anafilassi. Un’allergia al lievito può anche far sentire stanco.

LTP

Esiste una possibile allergia legata ad alcuni gruppi di proteine chiamati LTP (proteina di trasferimento dei lipidi), presenti nelle proteine nella birra; si trovano principalmente nella buccia dell’uva. Ecco perchè il vino rosso, fermentato appunto con le bucce, può scatenare più reazioni allergiche del vino bianco, il cui processo di fermentazione non prevede tale ingrediente.Nella birra possono venir aggiunti alcuni enzimi proteolitici (come bromelina o papaina) per la chiarificazione in caso di intorbidamento e anche questi possono essere fonte di reazioni allergiche.

Istamina e solfiti

La birra, il vino e i liquori contengono un allergene chiamato istamina, prodotta nel processo di fermentazione.

L’istamina spesso scatena reazioni allergiche negli esseri umani.

I solfiti, invece, usati come conservanti, possono peggiorare l’asma e possono causare altri sintomi allergici. Il vino rosso contiene meno conservanti rispetto al vino bianco, ossia una quantità minore di solfiti.

Dopo questa carrellata di possibili allergeni, vediamo quali siano i sintomi collegati.

Sintomi dell’allergia alla birra

La rinite non allergica

Alcune persone pensano di essere allergici alla birra perché il loro naso diventa congestionato dopo il consumo. Questo è più probabilmente dovuto alla dilatazione dei passaggi nasali che provoca un aumento della produzione di muco.

Reazione all’istamina

Durante il processo di fermentazione, l’istamina può essere prodotta dal lievito. Una reazione all’istamina può essere simile a una reazione allergica, in quanto provoca orticaria, prurito, dispnea, starnuti e occhi rossi.

La celiachia

Le persone che soffrono di celiachia sono sensibili al glutine presente nel grano, segale, e orzo, tutti utilizzati nella fabbricazione della birra.

Le reazioni al consumo di glutine, facilmente scambiato per una allergia alla birra, sono disturbi gastrointestinali, come diarrea e dolori allo stomaco.

Allergia all’alcool

L’allergia alla birra può essere derivata anche da una più generale intolleranza all’alcool. Una vera intolleranza all’alcool è piuttosto rara. Il più delle volte la reazione allergica è causata da uno dei cereali usati per produrre l’alcool, oppure da un conservante contenuto nella bevanda.

L’intolleranza all’alcool spesso si presenta nelle persone di origini asiatiche, a causa di malattie come il linfoma di Hodgkin, oppure con l’assunzione di antibiotici, antimicotici e il disulfiram, un farmaco usato per la cura dell’alcolismo. Possibili sintomi sono congestione nasale, orticaria, mal di test, battito cardiaco rapido e/o accelerato, nausea e vomito, dolore addominale.

Intolleranza alla birra : rimedi

Se si è intolleranti si avvertono semplicemente sintomi lievi, oppure essi si presentano soltanto in seguito all’ingestione di determinati alcolici o in quantità abbondanti.

Generalmente, se si tratta di reazioni allergiche tollerabili, non è necessario eseguire degli esami clinici.Tuttavia, se desideri confermare la diagnosi, consulta un medico che ti prescriverà delle analisi necessarie per stabilire un’effettiva intolleranza all’alcol.

Prima di tutto un test cutaneo o del sangue per fare una diagnosi conclusiva. Il test cutaneo consiste nel pungere la pelle con un ago contenente uno dei possibili allergeni. Se la pelle reagisce, significa che hai un’allergia. L’esame del sangue serve per testare la presenza di immunoglobine. Sfortunatamente, questo esame non è sempre preciso.

Per saperne di più

L-ARGININA è il nuovo prodotto di origine tedesca che oltre alla funzione anti-allergene è un ottimo integratore alimentare. Per un uso continuo, fornisce risultati immediati e soddisfacenti grazie alla nuova formula ideata da un team di ricercatori specializzati.

Adatto a prevenire l’allergia è il set di filtri ultra traspiranti Woody Nose, ideati per bloccare gli allergeni presenti nell’ambiente e per generare sollievo in poco tempo.

Composto da diversi filtri di ricambio, è un prodotto che migliora rapidamente il senso di chiusura del naso e favorisce il passaggio dell’aria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

follicolite
Wellness

Follicolite e peli pubici

22 settembre 2017 di Notizie

La follicolite è un’infezione dei follicoli piliferi spesso dovuta a una depilazione poco delicata, che causa prurito e bruciore. Scopriamone cause e rimedi e vediamo come evitarla.