Aggiungi Un Posto a Tavola”, TEATRO degli ARCIMBOLDI
Cronaca

Aggiungi Un Posto a Tavola”, TEATRO degli ARCIMBOLDI

aggiungi_0264

dal 28 gennaio al 14 febbraio 2010
da mercoledì a sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

TEATRO degli ARCIMBOLDI
Viale dell’Innovazione, 20 – Milano

Il Sistina presenta
Gianluca Guidi Enzo Garinei
nella commedia musicale scritta da
Garinei e Giovannini

scritta con Jaja Fiastri
liberamente ispirata a”After me the deluge” di David Forrest

Musiche di Armando Trovajoli – Scene e costumi Giulio Coltellacci
Coreografie Gino Landi
Realizzazione luci Maurizio Fabretti dal progetto originale di Giancarlo Bottone
Sound Desiger Maurizio Capitini

Regia originale di Pietro Garinei e Sandro Giovannini
Ripresa teatrale di Johnny Dorelli

con la partecipazione straordinaria di
Marisa Laurito
e con
Marco Simeoli Valentina Cenni
Con
Titta Graziano Andrea Carli
Ortensia Il cardinal Consalvo

La voce di lassù è di Renato Turi

I solisti
Leandro Aprile – Vincenza Brini – Federica Capra
Mattia Di Napoli – Domenico Di Santo – Sara Filipucci – Marzia Foglietta
Francesco Italiani – Biagio Nunziata – Elena Ronchetti – Gloria Rossi
Alessandro Schiesaro – Manuela Scravaglieri – Glaucia Virdone – Francesco Vitiello

In occasione dei 60 anni del teatro Sistina e a 35 anni dal suo debutto, torna in scena, prodotto dal Sistina, “Aggiungi Un Posto a Tavola”, uno degli spettacoli più amati di Garinei e Giovannini.
Diventata oramai un classico del teatro italiano, questa commedia musicale, nata dalla penna di Garinei e Giovannini con la collaborazione di Jaja Fiastri e dalla partitura di Armando Trovajoli, è stata rappresentata per la prima volta nel 1974.

E’ uno spettacolo unico e particolarissimo che deve il suo successo, oltre che alle invenzioni del testo e delle musiche, alla perfetta macchina teatrale inventata da Giulio Coltellacci che firmò scene e costumi.

La canonica, la piazza con il sagrato, l’Arca si succedono in maniera continua grazie ai due girevoli che danno vita a cambiscena che spesso hanno strappato l’applauso a “scena aperta”.

In questa versione ritroviamo le coreografie di Gino Landi, tra i più apprezzati e conosciuti coreografi italiani e storico collaboratore della ditta G&G e autore delle coreografie originali. La regia è quella originale di Garinei e Giovannini rimessa in scena da Johnny Dorelli.

Fin dalla sua prima rappresentazione “Aggiungi Un Posto a Tavola” ha conquistato il cuore del pubblico che ha applaudito i suoi personaggi in ogni angolo del mondo. Lo spettacolo è un rarissimo caso di commedia diventata veramente internazionale: è infatti stata rappresentata in oltre 50 versioni dalla Russia all’Inghilterra, dal Brasile alla Cecoslovacchia, dall’Austria all’Argentina e poi in Messico, in Perù e in Spagna.

La storia, liberamente ispirata a “After me the deluge” di David Forrest, narra le avventure di Don Silvestro e del suo paese, scelti da Dio per costruire una nuova arca e salvarsi dal secondo diluvio universale.

In questa edizione Gianluca Guidi, attore e cantante di talento che il pubblico italiano ben conosce e apprezza, indosserà la tonaca di Don Silvestro garantedogli la sua innata simpatia e comunicatività. Nel ruolo del sindaco Crispino torna Enzo Garinei con la sua inarrestabile verve. Consolazione avrà la simpatia, la carica vitale e ironica di Marisa Laurito, beniamina del pubblico che da sempre la segue nelle sue performance televisive e teatrali.

Marco Simeoli, che il pubblico teatrale ricorda sicuramente nelle ultime due stagioni a fianco di Gigi Proietti in “Di Nuovo Buonasera”, sarà l’ingenuo e focoso Toto. Valentina Cenni vestirà gli innamorati panni di Clementina mentre Titta Graziano interpreta Ortensia la “severa” moglie del sindaco Crispino e Andrea Carli quelli dell’austero Cardinale Consalvo.

Uno spettacolo che sarà ancora una volta capace di “rapire” gli spettatori per portarli in un fantastico mondo fatto di musica e risate.

LA TRAMA

Don Silvestro, il parroco di un piccolo paese di montagna, riceve un giorno una “inaspettata” telefonata: Dio in persona gli ordina di preparare un’arca, in vista di un secondo diluvio universale. Il giovane parroco aiutato dagli abitanti del paese ma intralciato da mille inconvenienti (non ultimo il Sindaco del paese, Crispino, che cercherà in tutti i modi di mettergli i bastoni tra le ruote), riesce alla fine tra mille dubbi nella sua impresa di costruire l’arca che però non salperà mai. Poco prima del diluvio un cardinale convince la gente del paese a non seguire Don Silvestro che viene creduto pazzo e al momento del cataclisma sull’arca si trovano solo lui e Clementina, la giovane figlia del sindaco. Silvestro decide però di non abbandonare il suo paese e i suoi amici: a diluvio iniziato scende dall’arca. Dio vede fallire il suo progetto e fa smettere il diluvio: tutti sono sani e salvi, salvati dall’altruismo e dall’amicizia del curato. All’interno della storia si dipanano molte mini-trame in un perfetto gioco di scatole cinesi: l’amore di Clementina per Don Silvestro; l’inimicizia per lo stesso del padre di Clementina, l’ateo Crispino; la comparsa in paese di Consolazione, una prostituta che distrarrà gli uomini del paese dai loro doveri familiari; l’amore di essa per Toto , lo scemo del paese, che grazie alla riacquistata virilità la trarrà dalla attenzioni degli altri uomini e la sposerà.

Un po’ di storia

“Aggiungi Un Posto a Tavola” è un testo di Garinei e Giovannini scritto con Jaja Fiastri, ispirata da un romanzo di D Forrest “After me the deluge”. Musica:Armando Trovajoli. Scene e costumi: Coltellaci. Coreografie: Landi.

E’ stato rappresentato per la prima volta a Roma, al Teatro Sistina, l’8 Dicembre 1974. Il cast era il seguente: Don Silvestro – Johnny Dorelli; Crispino: Paolo Panelli; Ortensia: Christy; Clementina: Daniela Goggi; Toto: Ugo Maria Morosi; Consolazione: Bice Valori; Il Cardinale: Carlo Piantadosi; La voce di Lassù: Renato Turi.
Nel 1977 venne ripreso con lo stesso cast, unica eccezione: Jenny Tamburi al posto di Daniela Goggi.

Venne ripreso poi nel 1990 con il seguente cast: Don Silvestro: Johnny Dorelli; Crispino: Carlo Croccolo; Ortensia: Christy; Clementina: Tania Piattella; Toto: Adriano Pappalardo; Consolazione: Alida Chelli; il Cardinale: Carlo Piantadosi; La voce di Lassù: Riccardo Garrone.

Il 19 dicembre 2003 va in scena con il seguente cast: Don Silvestro: Giulio Scarpati; Crispino: Enzo Garinei; Ortensia: Christy; Clementina: Martina Stella; Toto: Max Giusti; Consolazione: Chiara Noschese; il Cardinale: Andrea Carli; La voce di Lassù: Riccardo Garrone.

La stagione successiva ritorna con il medesimo cast ad eccezione del ruolo di Clementina che viene interpretato da Margot Sikabony.

All’estero

Il 19 novembre 1976, con il titolo “Evviva Amico”, la commedia è stata rappresentata a Vienna (Traduzione austriaca di Peter Turrini) al teatro Van der Wien, con il seguente cast: Don Silvestro: Peter Frolich; Crispino: Ekkehard Fristsch; Clementina: Aniko Benko; Toto: Peter Branoff; Consolazione Lisette Pulver.

L’11 Maggio 1977 è stata rappresentata al teatro Monumental di Madrid, con il titolo “El diluvio que viene” nella versione spagnola di Giorgi, con il seguente cast: Don Silvestro: Lorenzo Valverde; Crispino: Franz Joham; Ortensia Josephina Guel ; Clementina: Maria Elias; Toto Victor Petit; Consolazione: Lia Uya; il Cardinale: Franco Ricchio; la voce di Lassù: Josè Guardiola.Con lo stesso titolo ma differente cast è stato rappresentato a Santiago del Cile, Mexico City e Buenos Aires.

Con il titolo “Beyond the rainbow” il 9 novembre 1978 ha debuttato a Londra al teatro Adelphi, in una versione curata da David Forrest per i dialoghi e da Leslie Bricusse per le liriche, con il seguente cast: Don Silvestro: Jhonny Dorelli; Crispino: Roy Kinnear; Clementina: Janet Mahoney; Toto: Jeoffrey Burridge; Consolazione: Lesley Duff; la voce di Lassù: Noel Johnson. Nel corso delle repliche , Johnny Dorelli fu investito da un taxi, dovette interrompere lo spettacolo e fu temporaneamente sostituito da Andrew Sharp e poi da Freddy Quinn il Don Silvestro della versione di Lubecca.

Nel Maggio 1981 ha debuttato al Teatro Cardoso di San Paolo del Brasile con il titolo Ai’ven o diluvio. In tutte queste edizioni scene costumi coreografia e regia sono state quelle dell’edizione originale.

Con differenti scene costumi coreografia e regia è stato rappresentato il 9 giugno 1977 a Lubecca con il titolo “Himmel, Arche und Wolkensbruch” nella versione tedesca di Turrini-Ortohofer-Vibach, con il seguente cast: Don Silvestro Freddy Quin; Crispino: Heinz Fabian; Ortensia: Susanne D’Albert; Clementina: Silvia Anders; Toto: Dieter Kaiser; Consolazione: MArie-Luise Maryanne; Cardinale: George Kremer.

Nel Dicembre 1987 con il titolo “Mennybol a telefon” è stato rappresentato al teatro operetta di Budapest, nella versione ungherese di Telegdi Polgar e Ivan Kalman con il seguente cast: Don Silvestro: Tamas Borondi; Crispino: Zoltan Benkoczy; Ortensia: Aranka Halasz; Clementina: MArika Oszvald; Toto Andras Farago; La voce di Lassù: Laszlo HAdics.

Nel 1989 fu rappresentato in Unione Sovietica al teatro di stato di Sverdlosk con la regia di Kirion Streznev con il titolo Konetz Svieta e successivamente al teatro dei Congressi a Mosca.

ENZO GARINEI

Diplomato attore al CUT (Centro Universitario Teatrale) di Roma con altri illustri colleghi come Marcello Mastroianni, Gabriele Ferzetti e Giulietta Masina, Enzo Garinei ha preso parte nella sua carriera a ben settantadue film di vario genere dal comico brillante al drammatico.

Esordisce in una rivistina di carnevale per studenti al Teatro Valle di Roma, come primattore in uno spettacolo scritto dal fratello Pietro.

Dalla “Bisarca” con Billi e Riva (1950) e ”Un lenzuolo per sognare” a fianco di Sylva Koscina (1977), passando attraverso “Gran Baldoria”, “Gran Baraonda”, “Tobia, “La candida spia” ( con Rascel), “La Padrona di Raggio di Luna” (con Andreina Pagnani), “La Manfrina”, “Lo sai che non ti sento quando scorre lacqua”, “Alleluja, Brava gente” con Renato Rascel e Gigi Proietti, qui nel sapido ritratto di Folchetto, tombarolo monco.
Poi “Cielo mio marito” di Costanzo e Marchesi con Ombretta Colli, Gino Bramieri e Marisa Merlini ; “Assurdamente Vostri” commedia di Ayckbourne con Sandra Mondaini.
In “Accendiamo la lampada” di Pietro Garinei e Jaja Fiastri era Ussein Ullà, accanto a Johnny Dorelli e Gloria Guida, in una favola da mille e una notte.

Attore elegante e preciso , dalla comicità sottile e garbata , è stato diretto da registi quali Visconti (Zio Vania), Ronconi ( I Lunatici), F. Enriquez (La Bisbetica Domata) e Sandro Bolchi.

Nel 1961, il trio di successo (Enzo Garinei, Sandra Mondaini e Carletto Sposito) reduce da “Delia Scala Show” in teatro, presenta “Canzonissima” in TV.
Garinei ha anche partecipato a numerosi film accanto a Totò (Il più comico spettacolo del mondo, Totò le Mokò, Totò e Carolina, etc.)
Gli è stata attribuita nel 1961 la Maschera d’Argento per il teatro di rivista.

In televisione e stato protagonista di moltissime trasmissioni , musical e “situation comedy”: “Casa dolce casa “, “I Jefferson, “Io e la Mamma “; “Non ho leta, ecc.
Come doppiatore ricordiamo che e la voce italiana di Stan Laurel nelle celebri commedie comiche.

Dal 1986 dirige la Scuola di teatro e di recitazione “Ribalte” frequentata ogni anno da 40 allievi provenienti da tutta Italia.
Nel 2001 e’ stato nominato dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, Grande Ufficiale.
Nel 2008 ha vinto il Premio alla carriera Randone.

Attualmente è il Direttore Artistico del Teatro Sistina di Roma.

GIANLUCA GUIDI

Gianluca Guidi inizia la sua carriera come cantante, partecipando al Festival di Sanremo nel 1989 con il brano Amore è, scritta da Alberto Testa e con la musica di Augusto Martelli .
Il suo esordio in teatro avviene nel 1992, nella commedia musicale “Parole d’amore parole” con Nino Manfredi continuando poi nel 1996 con “Gigi” dove interpreta Gaston de Lachailles, accanto ad Ernesto Calindri.

La sua carriera teatrale continua nel 1998 a Roma dove è in scena in un one -man- show dal nome “Chiacchierata informale” con la regia di Ennio Coltorti e la produzione di Gigi Proietti e allo stesso tempo come produttore musicale della versione italiana del musical “My fair lady” di Lerner e Loews.

Nella stagione 1998/99, la società di produzione teatrale diretta da Gigi Proietti allestisce la commedia musicale “Stanno Suonando la Nostra Canzone” di Neil Simon (titolo originale They’re Playing our Song ) nella quale Gianluca Guidi interpreta Vernon Gersh.

Per la televisione negli stessi anni è l’ ispettore Giuliani nella fortunata serie televisiva Linda e il brigadiere accanto a Nino Manfredi e Claudia Koll.
Nel 2000 fonda la società di produzione Salieri Entertainment e co-produce con Gigi Proietti “Taxi a due piazze”, commedia di Ray Cooney, diretta dallo stesso Proietti e in cui Guidi interpreta il protagonista.

Nel 2001 cura la regia e produce “Serial killer per signora” di Douglas J. Cohen per il quale riceve il premio IMTA per miglior regia e miglior produzione di musical.
Tra il 2002 e il 2004 produce “Promesse promesse”, commedia di Neil Simon e Burt Bacharach, di cui cura la regia con il padre e dove interpreta anche il protagonista C. C. Baxter.

Nel 2002 torna inscena con un nuovo one-man-show “… e sottolineo se!” con il Riccardo Biseo jazz trio, con cui riscuote grande successo al Festival di Borgio Verezzi.
Nel 2003 collabora alla produzione di “Lennon & John” di Giancarlo Lucariello, prodotto dal fratello Gabriele Guidi e con la regia di Massimo Natale, con Giampiero Ingrassia e Giuseppe Cederna.

Nel 2004 interpreta Paul Bratter nella commedia di Neil Simon “A piedi nudi nel parco”, di cui è produttore e regista e per cui ha composto anche le musiche.
Nell’estate 2005 al Globe Theatre di Roma interpreta Joseph Surface nell’opera di R. B. Sheridan “Gossip – A scuola di maldicenza” per la regia di Toni Bertorelli.
Suoi recenti grandi successi sono gli spettacoli teatrali “The Producers” (versione italiana del famoso musical di Mel Brooks) insieme ad Enzo Iacchetti con la regia di Saverio Marconi e la produzione della Compagnia della Rancia , e “E sottolineo se ovvero La resistibile ascesa di Gianluca G”.

Nel 2008 inizia a portare nei teatri la commedia “Facciamo l’amore” di Norman Krasna, della quale è regista e protagonista, a fianco di Lorenza Mario ed Enzo Garinei.

MARISA LAURITO

Sono nata a Napoli e non mi sarebbe piaciuto nascere in nessun’altra città. A Napoli il teatro lo respiri nelle strade da quando sei in fasce, la commedia, l’ironia, i tempi comici ti avvolgono come ti avvolge il mare. Così ad otto anni decisi che avrei fatto l’attrice. E così è stato.

Ho iniziato con Eduardo De Filippo ed ho firmato il mio primo contratto con lui il giorni in cui compivo ventuno anni e quindi potevo decidere del mio futuro, visto che mio padre era contrario alla vita da “zingara” che mi apprestavo ad intraprendere.
Sei anni con lui, il mio maestro, in teatro ed in televisione ed una marea di incontri speciali con caratteristi che mi avrebbero insegnato tutto sul mestiere dell’attore.
Poi fui rapita dal teatro d’avanguardia con Mario e Maria Luisa Santella, e poi l’incontro con Roberto De Simone per la prima commedia musicale, Eden Teatro, e poi la prima protagonista con Tato Russo in Cafè Chantant, e tanti altri incontri meravigliosi con Elvio Porta, Armando Pugliese… Ugo Gregoretti, Bruno Garofano, Giggi Dall’Aglio, Mauro Gioia, Vincenzo Salemme: quindici anni di teatro in tutto, con tre successi internazionali: “Masaniello”, “900 napoletano” cantata d’ammore, e la “Barilla Bolgie band” con Arbore.

Una mattina mi svegliò il telefono, era Luigi De Laurentis, che mi cercava per il ruolo della protagonista accanto a Manfredi e Tognazzi nella “Mazzetta”, non credevo alle mie orecchie! E così arrivò il cinema con S.Corbucci, ed altri trentaquattro film con Nino Manfredi e Montesano, Nanni Loi, Vittorio Sindoni, Pasquale Festa Campanile, Nocita, Maurizio Ponzi, Steno, Luciano De Crescenzo ed anche uno, di cui vado molto fiera, girato in Venezuela con Antonio Banderas nel ‘92 “Tierra nueva” che mi è valso il globo d’oro come migliore attrice protagonista straniera.

Ninni Pingitore mi chiamò col ruolo di prima donna al Bagaglino, dicevano che il Bagaglino portava fortuna…e così fu. Iniziò l’avventura televisiva con Renzo Arbore. Fortunatamente ne ho fatta parecchia di televisione “bella”: “Quelli della notte”, “Marisa La Nuit”, primadonna di “Fantastico” per due volte con Baudo e con Adriano Celentano, un “Fantastico” che sconquassò l’assetto della televisione italiana; le prime Candid Camera in America con Andy Luotto, per Raffaella e poi conduttrice di “Domenica In” per la regia di G. Boncompagni; “Serata d’onore” con G. Landi; “Paperissima” di A. Ricci; “Donne dell’altro mondo” con Pargnussat; “Domenica In…Famiglia” con M. Guardì e “Casa Laurito” sul satellite.

Nelle ultime due stagioni una entusiasmante esperienza con “MenopauseThe-Musical”
Adesso una nuova avventura: Consolazione in Aggiungi un posto a tavola, la straordinaria commedia musicale di Garinei e Giovannini.

MARCO SIMEOLI

Attore, regista e autore si è diplomato al Laboratorio di Esercitazioni Sceniche di Roma diretto da Gigi Proietti dopo aver seguito vari seminari di recitazione tra cui quello su L’uomo e l’attore tenuto da Orazio Costa, lo Stage internazionale di Commedia dell’Arte” tenuto da Antonio Fava, su L’attore che canta il musical tenuto da Penny Fuller e ancora con Ennio Coltorti, Alvaro Piccardi, Elisabetta Pozzi, Yves Lebreton e i fratelli Colombaioni.

Ha seguito corsi di doppiaggio presso la Fonoroma, di musica con Germano Mazzocchetti e canto con Donatella Pandimiglio. Cofondatore del gruppo “I Picari” col quale ha realizzato una ventina di spettacoli, una sit-com e ha ricevuto nel 2006 il Premio Petrolini, ha lavorato in teatro, in cinema ed in televisione con Gigi Proietti, Ennio Coltorti, Bruno Corbucci, Luigi Squarzina, Carlo Lizzani, Valter Lupo, Sergio Japino, Francesco Tavassi, Rosario Galli, Compagnia “Attori e Tecnici”, Johnny Dorelli, Giancarlo Sammartano, Riccardo Cavallo, Renato Greco, Tommaso Paolucci, Alessandro Capone, Stefano Reali, Pino Quartullo, Ammendola&Pistoia, Ettore Scola, Raffaele Verzillo, Fausto Brizzi, Carlo Vanzina. Le sue ultime regie Sweeney Todd il musical e il docu-show Il caso Majorana.

Le sue ultime apparizioni televisive sono state nelle fiction Distretto di polizia 8 (Can.5) e Butta la luna (Rai Uno). Al cinema nel film EX regia di Fausto Brizzi.
Nel 2006 è uscito per la Dino Audino editore un suo libro dal titolo Mettere in scena uno spettacolo e dal 2008 è autore regista e interprete dello spettacolo Napoli è ‘na parola che propone in vari teatri e città.

VALENTINA CENNI

Valentina Cenni Studia danza per diversi anni, conseguendo varie borse di studio e ottenendo il diploma dalla Royal Academy of London; nel 2004 crea una performance di danza col fuoco che porterà in giro per l’Italia e nel 2005 lavora con Eugenio Allegri.
Debutta in teatro nel 2000 con lo spettacolo Sogno di una notte di mezza estate di Gianluca Reggiani continuando nel 2002 con La casa con gli occhi dalla regia di Thomas Otto Zinza.

Tra il 2005 e il 2006 la troviamo in Amata Mia di Giancarlo Sepe e in La saga dei Malatesti di Pierre Notte diretto da Reza Keradman, con il quale collaborerà anche in futuro in Anche io, Je suis Catherine Deneuve nel 2007 e in Dopo le prove nel 2008.
Nel 2006 lavora con Szabo K. Istvàn e Stephan Gabor al Teatro Nazionale di Budapest con il musical I racconti di Cantherbury.

Continua la sua carriera nel 2008 con diversi spettacoli, tra i quali Il Compleanno di H. Pinter, regia di Fauso Paravidino, Il Laureato diretto da Teodoro Cassano e Prenditi cura di me, con la regia di Giampiero Rappa.

Ha anche diverse esperienze nel cinema in N° Variazioni dalla regia di Bezziccheri (2005), in Il produttore di Gabriele Mainetti (2005),nel Film Documentario CORRIDOIO NEUM diretto da Pier Paolo Coro (2005) e in un altro Film Documentario, Circo Nudo, dove la regia è un’altra volta firmata Bezziccheri (2006).

In televisione fa parte del cast di Il Generale della Chiesa (2006) di Giorgio Capitani, di Il Pirata, vita di Marco Pantani diretto da Claudio Bonivento (2006) e di I Nardini (2009), regia di Gianni Zanasi.

ANDREA CARLI

Andrea Carli, attore-cantante, nasce a Roma nel marzo del 1975.
Muove i primi passi nel mondo dello spettacolo alla fine degli anni ’90 come cantante, frequentando il Centro Studi Musicali in Roma, poi si appassiona alla recitazione, studiando con il maestro A. Gaston Troiano, recitazione e costruzione del personaggio.

Nel ’98 partecipa a “Beato tra le donne”. Nel ’01 la commedia musicale “Quartetto per Viola” diretta dal regista Claudio Carafoli, lo porta all’incontro con due dei piu’ grandi maestri del teatro italiano: “Pietro Garinei” e “Gino Landi”, che lo scelgono come attore, cantante, ballerino, in “Aggiungi un posto a tavola”,nelle edizioni dal ’02 al ’04, dove interpreta anche il ruolo del “Cardinal Consalvo”, e in “Rugantino”, ’05, nel quale, oltre ad essere solista, interpreta “ Calascione”; la stagione ‘06/’07, lo vede al fianco di Corrado Tedeschi nella commedia “Sabrina”, nel ruolo di “David”.

Dal ’01 al ’08 prende parte a 9 spot televisivi, gli ultimi 2 a fianco di Ale e Franz nel “Conto Arancio”, e 3 Corti Cinematografici.
Dal ‘03 attore protagonista nei musical del Parco Oltremare di Riccione. Tanti sono gli eventi di rilevanza nazionale, e non solo, a cui ha preso parte come presentatore dal ’99 ad oggi; il primo in ordine di tempo fu il “ Festival del Carnevale del Lazio” nel ’99, l’ultimo, il “ White Album Beatles Tribute”, presso l’Auditorium della Conciliazione in Vaticano nel 08’.

TITTA GRAZIANO

Titta Graziano inizia la sua carriera con lo spettacolo Etna Dance della compagnia “Arte Danca”, presso il Teatro Metropolitan di Catania, coreografo da Victor Geronimo.
Nel 1997 recita nello spettacolo “Le Pillole di Ercole”, regia di Enzo Garinei.

Come ballerina partecipa, dal 1998 agli spettacoli: La vedova allegra di A. Banfi, Un mandarino per Teo di Garinei e Giovannini con M. Micheli e infine in Hello Dolly con Loretta Goggi e Paolo Ferrari e la regia di Saverio Marconi
Nel 2000 fa parte dello spettacolo 2 ore sole ti vorrei di Vaime e Verde con Gianfranco Iannuzzo diretto da Pietro Garinei.

Nel 2001 è la protagonista femminile, nel ruolo di Bacchide , di Suoceri di Terenzio, con Enzo Garinei e S. Fiorentini ed è in televisionecon Non ho l’età 2 (canale 5)con M.Columbro, regia di Giulio Biase.
La sua collaborazione con Enzo Garinei continua nel 2002, insegnando danza e movimento nella scuola “RIBALTE” di quest’ultimo e con la partecipazione allo spettacolo Comico, Spalla e Sobrette.

Nel 2004 fa parte, come vocalist, dello spettacolo 50…anni della TV condotto da Pippo Baudo e con la regia di G. Landi- RAI 1.
Tra il 2005 e il 2006 è attrice e cantante solista nello spettacolo Edith Piaf, l’ hymne à l’amor con Antonella Steni e Paolo Malco, nel ruolo di Memone, con la regia di Carlo Lizzani.

Nel 2007 è nel ruolo di Gemma in Miseria e nobiltà con C. Croccolo, nel ruolo di Mariana in L’Avaro di Moliere, sempre con C. Croccolo, con la regia di M. Annesi e nel 2008 è cantante solista in Christmas Show diretto da Maurizio Colombi.
Tra il 2008 e il 2009 interpreta Silvana Smith in Poveri ma belli di Massimo Ranieri e la signorina Rotternmayer in Haidi, entrambe produzioni del Teatro Sistina.

Il cast tecnico

Direzione di produzione: Gianpiero Fontana e Tommaso Paolucci
Direzione tecnica: Raffaele Merone
Ufficio Amministrativo: Bettina di Adamo
Ufficio Stampa Massimo Natale

Assistente alle coreografie Cristina Arrò
Assistente musicale Roberto Colavalle
Assistente ai costumi Francesca Grossi

Amministratore di Compagnia Serena Bonanno
Direttore di Scena Sandro Prisca
Capo Macchinista Gianluca Canzoniero
Macchinista Fabio Pibiri
Attrezzista Fabio Prisca
Capo Elettricista Valerio Peroni
Elettricista Paolo Di Candia
Capo fonico Maurizio Capitini
Fonico Roberto Scioni
Capo Sarta Francesca Grossi
Sarta Martina Roberti

PREZZI:

platea bassa € 50.00 + prev.
Platea alta € 45.00 + prev.
I galleria € 40.00 + prev.
II galleria € 35.00 + prev.

Ridotti speciali per bambini minori di 14 anni, per studenti under 25 e anziani over 65

Teatro degli Arcimboldi
Viale dell’Innovazione 20 – 20126 Milano
www.teatroarcimboldi.it
www.myspace.com/teatroarcimboldi
www.youtube.com/teatroarcimboldi

Biglietteria:
Dal lunedì al venerdì ore 10 – 18 – Tel: + (39) 02.64.11.42.212/214

I biglietti sono in vendita tramite il circuito TicketOne www.ticketone.it. punti vendita TicketOne in tutta Italia
(per conoscere il più vicino puoi chiamare il numero 892.101 o consultare il sito www.ticketone.it nell’area punti vendita).

450

Call Center TicketOne 892.101 *
(attivo dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 20,00 e il sabato dalle 9,00 alle 17,30).
Il costo massimo della chiamata al minuto è di € 1 da rete fissa (senza scatto alla risposta), di € 1,2911 da cellulare TIM (scatto alla risposta € 0,1291), di € 1,5 da cellulare Vodafone (scatto alla risposta € 0,1) e di € 1,3 da cellulare Wind (scatto alla risposta € 0,1250).

per aziende e gruppi organizzati:

Officine Smeraldo
Bastioni di Porta Nuova 12 – 20121 Milano
Tel. 02.33020025/31 – Fax: 02.70057932
E-mail gruppi@officinesmeraldo.it
Servizi Business e Gruppi TicketOne – Viale Achille Papa, 22- 20149 Milano
Tel. 02. 330.201, Fax 02. 700444854, E-mail gruppi@ticketone.it degli Arcimboldi
Ilaria Biasini – E-mail: gruppi@ipomeriggi.it
Tel. 02.641142213 – E-mail: gruppi@ipomeriggi.it

TicketOne

Teatro

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche