È possibile staccare le marche da bollo, in caso di errore?
Come staccare le marche da bollo
Economia

Come staccare le marche da bollo

staccare marche da bollo

Le marche da bollo sono state sostituite da contrassegni telematici. Ma cosa fare in caso di errore? È possibile staccarle una volta applicate?

Nell’esercizio di alcune attività, molti documenti richiedono l’applicazione di una marca da bollo, un’ imposta indiretta, che viene applicata per l’assolvimento dell’imposta di bollo legata ad alcune categorie di transazioni. Questa imposta può essere applicata in misura fissa e proporzionale.

Nuove marche da bollo

Negli ultimi tempi alcune novità hanno investito l’intero ambito di utilizzo delle marche da bollo, e non solo: dal 1 settembre 2007 le marche sono state definitivamente sostituite dai contrassegni telematici, emessi direttamente dall’Agenzia delle Entrate. La prima differenza è che la marca non deve essere annullata, ma viene convalidata a partire dalla data in cui viene emessa.

Inoltre il tagliando attuale presenta alcune differenze rispetto a quelli che si usavano anni fa. La più evidente è una serie di fenditure lungo la corona esterna, che rendono impossibile staccarlo senza danneggiarlo una volta applicato.

Si possono staccare le marche da bollo?

Il problema nasce nel momento in cui si ponga la necessità di dover staccare i nuovi contrassegni da documenti, su cui sono ormai stati applicati.

Nel caso in cui vi accorgeste di aver sbagliato ad applicarlo, è possibile fare un tentativo esponendo il documento ad una fonte di calore, per ammorbidire la colla. O ritagliarlo direttamente dal documento sbagliato e applicarlo a quello corretto.

È evidente che c’è una minore tolleranza allo sbaglio, dovuto anche ai frequenti casi di contraffazione di marche da bollo.

Corretto utilizzo marche da bollo

Il DPR 642/72 definisce i casi in cui è obbligatorio il versamento dell’imposta tramite l’applicazione della marca da bollo. Per fare un po’ di chiarezza questi sono gli esempi più frequenti:

Marche da bollo da 2 euro

Le marche da 2 euro sono quelle principalmente richieste su:

  • ricevute fiscali superiori a 77,47 euro,
  • libri contabili
  • contratti di affitto.

Marche da bollo da 16 euro

Quelle da 16 euro si applicano invece su:

L’imposta di bollo può essere versata acquistando il contrassegno dell’importo necessario dal tabaccaio, che lo emetterà tramite il terminale.

Nel caso in cui l’assolvimento degli obblighi di legge relativi allo svolgimento della vostra attività preveda un frequente utilizzo di marche da bollo, l’Agenzia delle Entrate vi riserva un’altra opzione.

Sarebbe a dire, versare l’imposta sotto forma telematica.
Per poter accedere a questo servizio è necessario effettuare la richiesta sul sito dell’Agenzia delle Entrate, e attendere che vi venga autorizzata la liquidazione del tributo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Melchioni Vega estrattore a freddo
57.99 €
99.9 € -42 %
Compra ora
De Longhi DELONGHI Sfornatutto EO14902
149.99 €
179.99 € -17 %
Compra ora
Nokia 3310 (2017) Dark Blue
84.5 €
Compra ora
Moleskine 12 Mesi - Agenda 2018 Giornaliera Large Rosso Scarlatto Co
22.5 €
Compra ora