Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Cane sbranato da un alligatore, il padrone si suicida per il dolore
Esteri

Cane sbranato da un alligatore, il padrone si suicida per il dolore

andrew epp
andrew epp

L'uomo di 36 anni si è distratto per un momento e quando si è voltato ha visto il cane morto in una pozza di sangue. Poi si è suicidato.

Il cane è da sempre il migliore amico dell’uomo: la storia che segue vi renderà ancora più sicuri del legame tra umani e animali. Infatti, negli Stati Uniti un uomo di 36 anni si è tolto la vita a causa del dolore per la perdita del cane Java. Andrew Epp non riusciva a superare lo stress emotivo che gli aveva causato la perdita del compagno di giochi: perciò ha deciso di suicidarsi.

La morte di Java

In una calda giornata d’estate Andrew e il suo migliore amico Java, il cane, avevano deciso di fare una passeggiata al parco. In un momento di distrazione, però, Java è scappato dal padrone e si è avvicinato a uno stagno paludoso. Purtroppo, però, in quel momento c’era un alligatore in agguato: all’arrivo di Andrew il cane era stato scuoiato. Andrew Epp ha visto morire Java sotto i suoi occhi: la perdita e il dolore sono stati troppo forti.

Alcuni testimoni della scena hanno rivelato di aver visto il padrone caricarsi sulle spalle l’amico a quattro zampe e trasportarlo sanguinante verso casa.

Il gesto estremo

Non appena trascorso qualche giorno dalla perdita di Java, però, il padrone si è sentito sotto stress e ha compiuto un gesto estremo. I conoscenti e i vicini di casa sapevano che l’uomo soffriva di instabilità mentale, tuttavia non credevano che sarebbe arrivato a tanto. Andrew si è suicidato nella sua abitazione per la perdita del cane Java. Dopo la tragica vicenda infine, gli abitanti di Palmetto hanno chiesto di rilevare e segnalare la presenza degli alligatori nei parchi.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.