Climatizzatori e condizionatori: le differenze e il miglior modello dell’anno
Casa & Bricolage

Climatizzatori e condizionatori: le differenze e il miglior modello dell’anno

ARTIC AIR CUBE.
ARTIC AIR CUBE.

Siete indecisi su cosa scegliere tra un climatizzatore e un condizionatore? Ecco quali sono le differenze e il miglior modello dell'anno.

Quando inizia il caldo torrido, l’afa e la calura estiva, tantissime persone decidono di acquistare il climatizzatore, oppure il condizionatore. Non stiamo parlando, però, della stessa identica cosa e quindi è bene riuscire a fare chiarezza, andando ad analizzare questi oggetti di supporto nella maniera più adeguata. Anche in commercio esistono differenti varianti e molto spesso, si rischia di fare degli errori; ma niente paura! In questo articolo scopriremo le differenze tra climatizzatori e condizionatori e il migliore modello dell’anno.

Climatizzatori

Quando parliamo di “Climatizzatore“, intendiamo una macchina termica o pompa di calore che serve per la regolazione dell’umidità e della temperatura in uno specifico ambiente. Questa macchina può produrre frescura o calore, andando a regolare l’umidità e la temperatura all’interno dell’ambiente che viene climatizzato. Ci sono i climatizzatori per gli ambienti chiusi (es: case e uffici), oppure per altri applicazioni (es: autovetture e aeromobili).

Il funzionamento del climatizzatore sul basa sul ciclo inverso della macchina di Carnot, oppure della macchina frigorifera.

Possiamo affermare che la macchina inizia ad assorbire calore (Q2) dal lavoro (L) e dal serbatoio freddo. Il lavoro inizia dall’esterno per riuscire a riversare il calore (Q1) all’interno del serbatoio caldo. Lo scopo del ciclo frigorifero e riuscire a trasferire il calore da una sorgente a temperatura bassa, a una di temperatura superiore.

Tutto questo può accadere soltanto attraverso un effetto compensatore. Il climatizzatore, quindi, può essere considerato una macchina che riesce a trasferire una quantità di calore dall’ambiente interno da refrigerare, a quello esterno con una funzione che può essere paragonata a quella del frigorifero o del congelatore. Osservando le definizioni delle normative UNI 10339, il climatizzatore e il condizionatore sono due strumenti simili, ma diversi.

Sia il climatizzatore che il condizionatore possono migliorare la qualità dell’aria trattata mediante filtri, regolare la temperatura, provvedere al movimento dell’aria; ma soltanto il climatizzatore può regolare l’umidità. Possiamo quindi affermare che il climatizzatore ha una marcia in più, poichè riesce a eseguire una regolazione attiva dell’umidità.

In commercio esistono diversi tipi di climatizzatori.

Quelli più utilizzati sono i climatizzatori fissi e quelli portatili che ora andremo ad analizzare in modo specifico.

CLIMATIZZATORI FISSI: richiedono la realizzazione di un impianto e aiutano a regolare la temperatura di uno o più ambienti per lunghi lassi di tempo con consumi energetici contenuti. Per l’installazione dei climatizzatori fissi serve un tecnico specializzato. Questa categoria di climatizzatori può essere a monoblocco, oppure a split. Gli split possono dividersi in monosplit, dualsplit e multisplit.

CLIMATIZZATORI PORTATILI: possono regolare la temperatura di un solo ambiente e non richiedono la realizzazione di un impianto; inoltre sono comodi da spostare e da riporre. I climatizzatori portatili si dividono in monoblocco, oppure a split.

Condizionatori

Quando parliamo di “Condizionatore“, invece, intendiamo una macchina termica che riesce a innalzare o abbassare la temperatura di una stanza, oppure di un ambiente dove ci si trova. Per ottenere questo risultato, il condizionatore sviluppa un calore sensibile che permette la trasmissione del calore con un fluido che quando viene messo in circolazione cede questo calore a un ambiente specifico.

La potenza del condizionatore viene misura in frigorie/h, oppure BTU/h.

I condizionatori sono costituiti da due unità (interna ed esterna). Tra queste due unità ci sono due tubi che corrono di rame che servono per la circolazione dei fluidi (ingresso e uscita). Ci sono poi i cavi di collegamento di comando e controllo; mentre l’alimentazione elettrica viene portata dalla rete all’unità esterna e poi all’unità interna. Nel condizionatore a pompa di calore, le unità hanno la necessità di un tubo di scarico per riuscire a evacuare l’acqua che si condensa.

In commercio vengono anche fornite delle macchine che hanno un unico elemento che permettono si assolvere tutte le funzioni descritte, se addossate ad una parete. Le funzioni hanno dei limiti di rendimento notevoli di tipo termodinamico e presentano anche un costo di acquisto molto alto.

Vediamo ora le 5 tipologie costruttive che possono essere distinte nelle unità interne:

  1. A CASSETTA (installazioni a incasso nei controsoffitti).
  2. A CONSOLLE (installazioni a soffitto senza controsoffitto).
  3. A MURO (installazioni in posizione alta a muro).
  4. A PAVIMENTO (tipo fancoil).
  5. CANALIZZABILI (installazione assiemata a canalizzazioni anemostati e aerauliche).

Attualmente, i vecchi condizionati ON/OFF sono superati e possiamo trovare quelli con la tecnologia a Inverter, che riescono a ottimizzare i consumi andando a modulare la potenza in base alla temperatura dell’ambiente. In questo modo il condizionatore riesce a ridurre le accensioni e gli spegnimenti, andando ad azzerare i consumi che dipendono dalle accensioni ripetute e funzionando più a lungo alla potenza minima per mantenere la temperatura impostata costante.

Il miglior condizionatore portatile

Secondo testimonianze, benefici riscontrati e rapporto qualità prezzo, il miglior prodotto del momento è un condizionatore portatile di nome Artic Air Cube. Questo particolare condizionatore portatile senza tubo è l’ideale per rinfrescare l’ambiente circostante, evitando l’utilizzo d’installazioni murarie.

Artic Air Cube è perfetto per rinfrescare le camere della casa, diventando luoghi refrigeranti e freschi contro la calura estiva perché ha un’autonomia di 8 ore ed è anche silenzioso.

Il condizionatore non presenta filtro o prodotti nocivi per le persone e l’ambiente circostante e si compone, inoltre, di un termostato digitale che si può regolare con un flusso d’aria della temperatura che preferiamo. Artic Air Cube presenta un sistema di raffreddamento ad acqua che evapora rilasciando aria fredda che refrigera l’habitat. Per chi volesse approfondire su artic air cube, consigliamo di cliccare qui o sulla seguente immagine

ARTIC AIR CUBE.

Artic Air Cube è un prodotto esclusivo ed originale e non potete acquistarlo né nei negozi fisici, quali supermercato, ma neanche i siti di e-commerce online. L’unico modo che avete per acquistarlo è collegarsi al sito ufficiale del prodotto, compilare il modulo con i propri dati che saranno trattati nel rispetto della privacy e attendere la chiamata dell’operatore per la conferma dell’ordine. Il prodotto è in promozione stagionale al costo di 59 Euro per una confezione con spedizione gratuita, ma ci sono anche altri pacchetti disponibili. Potete effettuare il pagamento seguendo queste modalità: carta di credito o Paypal, ma anche in contrassegno, ossia in contanti al corriere al momento della consegna.
Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Offerte & Consigli, Notizie.it ha un’affiliazione e ottiene una piccola percentuale dei ricavi, senza variazioni dei prezzi.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.