×

Lavoro: consulenza giuslavoristica e pedagogica, Mellin aiuta mamme e papà

default featured image 3 1200x900 768x576

Milano, 12 mag. (Labitalia) – Dare un supporto concreto a tutti i genitori d’Italia attraverso esperti qualificati su temi relativi alla gestione della maternità e della paternità dal punto di vista normativo e legale ma anche psico-pedagogico ed emotivo. È l’obiettivo con cui Mellin ha lanciato il portale di consulenza gratuita su temi giuslavoristici e psico-pedagogici www.partoeriparto.mellin.it per accompagnare le mamme e i papà durante il loro viaggio genitoriale.

Il portale si compone di una sessione contenente articoli redatti da esperti ed è arricchito dalla possibilità di un consulto individuale e gratuito con professionisti nei rispettivi settori, quali il Patronato Acli e Ariele (Associazione Italiana Psicosocioanalisi).

"Crediamo che un’azienda abbia la responsabilità di sostenere la genitorialità delle sue persone, un impegno sociale che va oltre gli obblighi di legge e che consiste nel mettere a punto politiche di welfare mirate e aderenti ai loro bisogni -afferma Fabrizio Gavelli, ceo di Danone Specialized Nutrition South Europe-.

Abbiamo promosso questo servizio con l’auspicio di offrire non solo alle nostre persone ma a tutte le famiglie un approccio pragmatico alle questioni legislative, aumentando la conoscenza su norme e principi che disciplinano il rapporto fra maternità, paternità e lavoro, e per sostenere il benessere psico-pedagogico dei genitori".

"Parto e Riparto è l’ultima tessera di un mosaico che abbiamo iniziato a comporre 10 anni fa –afferma Sonia Malaspina direttrice HR Danone Sn-.

Dalla nostra esperienza maternità e paternità restituiscono professionisti migliori all’impresa che li sostiene. E i nostri dati lo confermano: il 100% delle mamme rientra al lavoro dopo il congedo maternità, il 20% delle promozioni interessa donne al rientro dal congedo, 0% è il pay gap uomo/donna e il 100% dei papà usufruisce dei giorni di congedo paternità".

Partner per la realizzazione del progetto è Jointly -Il welfare condiviso, che vanta un’expertise di anni nel mondo dei servizi per il benessere alla persona, con un focus particolare sulla genitorialità. In pochi mesi sono state circa 1.000 le richieste di consulto giuslavoristico avanzate e fra i temi principali sollevati si sono registrati la necessità di chiarimento sulla normativa su astensione obbligatoria e facoltativa e permessi orari (34%), sullo svolgimento del lavoro durante la gravidanza entro l’anno di vita del bambino (20%), sugli aiuti economici come il bonus bebè (11%), sui diritti previdenziali (11%), sui diritti del padre lavoratore (9%), e sulla busta paga (4%). Il progetto è stato costruito e portato a regime in un anno, il 2020, destinato a passare alla storia come uno dei più gravosi in termini di denatalità. I nuovi nati sono stati 404mila, quasi 16mila in meno rispetto all’anno precedente. La questione di fondo è da sempre legata alla precarietà del lavoro e alla paura del futuro.

Se il lavoro non c'è si aspetta a formare una famiglia e gli effetti della pandemia hanno aumentato l'insicurezza delle coppie sia dal punto di vista economico che psicologico. Con il risultato che i genitori sono sempre meno e sempre più anziani, in un Paese con meno bambini e adolescenti. Il portale è nato sia con lo scopo di rispondere ai dubbi dei genitori ma anche per fungere da stimolo per le coppie che ambiscono a diventare una famiglia. Questa iniziativa parte da lontano, dalla convinzione che la maternità e la paternità apportino una carica positiva capace di alimentare l’energia, la creatività, le capacità empatiche e organizzative di mamme e papà e, di conseguenza, rappresentino un valore per la società ma anche per l’azienda.

Per questa ragione da oltre 10 anni le aziende di Danone in Italia applicano avanzate politiche interne di welfare aziendale che favoriscono i genitori lavoratori, con risultati emblematici, tra cui un tasso di natalità interna pari al +7% nel 2020 (rispetto al -4,5% del dato nazionale Istat 2019). Il progetto “Parte e Riparto” promosso da Mellin nasce dalla volontà di portare informazione e supporto anche fuori dalle mura dell’azienda, a tutti i genitori italiani.

Contents.media
Ultima ora