×

Sakineh e Teresa Lewis, stessa violenza ma indignazione a senso unico

Condividi su Facebook

Stati Uniti ed Iran, due Paesi profondamenti distanti tra loro dal punto di vista politico, sociale ed economico.

Ma qualcosa li accomuna: la pena di morte. Una condanna brutale in qualsiasi modo la si pratichi. Eppure l’opinione pubblica mondiale nel giudicare le vicende di Sakineh e Teresa Lewis ha avuto reazioni emotive diversissime tra loro. Le due donne hanno storie molto simili.

Sakineh Mohammadi-Ashtiani è stata condannata prima alla lapidazione, pena poi sospesa, ed in seguito all’impiccagione per complicità nell’omicidio del marito. Teresa Lewis, 41enne, disabile mentale, è stata giustiziata in Virginia con una iniezione letale sabato scorso in quanto giudicata responsabile di un duplice omicidio (aveva pianificato l’assassinio del marito e del figliastro).

Per Sakineh si è mobilitato il mondo intero in una campagna di sensibilizzazione partita dalla Francia che ha coinvolto nomi illustri del mondo della cultura, del cinema e della politica, a partire dalla moglie del presidente Sarkozy, Carla Bruni.

Per il caso di Teresa Lewis l’America non si è commossa più di tanto, ormai assuefatta alle esecuzioni capitali, e non si sono visti nemmeno lo stesso sdegno della comunità internazionale, nessun Paese ha messo a rischio i propri rapporti diplomatici con gli Stati Uniti per cercare di salvarla.

E mentre tutto il mondo guardava con orrore Teheran e i governi dei paesi europei intervenivano a favore di Sakineh, gli Stati Uniti giustiziavano un’ inferma di mente per le stesse accuse rivolte alla donna iraniana.

Il dubbio di molti osservatori è che la storia di Sakineh sia stata usata in modo strumentale dai media per alimentare l’ostilità del mondo occidentale verso il regime iraniano.Un’analisi che per molti versi può sembrare una forzatura.

Ma la dinamica di queste due vicende, oggettivamente, qualche dubbio lo solleva.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
3 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!
30 Settembre 2010 13:18

Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it….

Stati Uniti ed Iran, due Paesi profondamenti distanti tra loro dal punto di vista politico, sociale ed economico. Ma qualcosa li accomuna: la pena di morte. Una condanna brutale in qualsiasi modo la si pratichi. Eppure l’opinione pubblica mondiale nel …

laura spallanzani
30 Settembre 2010 14:01

Ma scusate.. io mi chiedo è la stessa cosa? Se vogliamo parlare di pena di morte, beh allora possiamo accomunare le due donne Ma le storie sono ben diverse!! Teresa Lewis ha macchinato l’omicidio del marito insieme a dei killer, da lei ingaggiati e “reali” testimoni, per incassare il premio di un’assicurazione sulla vita stipulato dalla vittima a favore della donna. Teresa ha ucciso per motivi venali. Sakineh è stata accusata di complicità in omicidio, nei confronti di un marito che peraltro le usava violenza Non ha subito un processo regolare. Il suo avvocato è dovuto fuggire dall’iran perchè minacciato… Leggi il resto »

Redazione Notizie.it
30 Settembre 2010 17:07

Ricordo che Teresa Lewis aveva un quoziente intellettivo di 72, paragonabile a quello di una ragazzina di tredici anni. Appena due punti sopra il livello di ritardo mentale, in base alle leggi della Virginia. Non ha eseguito materialmente l’omicidio del marito e del figliastro ma sicuramente lo ha favorito, aiutando il suo amante e il suo complice ad entrare in casa. I due sono stati condannati all’ergastolo, Teresa Lewis invece è stata giustiziata. I legali di Teresa Lewis sostenevano che fosse stata plagiata dall’amante. L’uomo non aveva un’idea proprio lusinghiera della Lewis. La considerava una donna brutta e scema che… Leggi il resto »


Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.