> > Cina: lutto nazionale per funerali Jiang Zemin, riappare Hu Jintao

Cina: lutto nazionale per funerali Jiang Zemin, riappare Hu Jintao

default featured image 3 1200x900

Pechino, 6 dic. (Adnkronos) - L'ex leader cinese Hu Jintao, allontanato dal Congresso del Partito comunista lo scorso 22 ottobre, è riapparso in pubblico nel giorno in cui la Cina è in lutto per i funerali di stato riservati a Jiang Zemin, l'ex presidente scomparso mercoled&i...

Pechino, 6 dic.

(Adnkronos) – L'ex leader cinese Hu Jintao, allontanato dal Congresso del Partito comunista lo scorso 22 ottobre, è riapparso in pubblico nel giorno in cui la Cina è in lutto per i funerali di stato riservati a Jiang Zemin, l'ex presidente scomparso mercoledì a 96 anni a Shanghai. Un patriota che ''ha dedicato la sua vita'' al Paese e ha resistito a ''tempeste politiche'', ha detto il Partito comunista ricordando Jiang durante la cerimonia funebre presso la Grande Sala del Popolo di Pechino che ha riunito l'elite politica cinese con il presidente Xi Jinping in testa.

"Jiang Zemin è immortale", si legge su uno striscione nella sala, ''Vivrai sempre nei nostri cuori'', è il messaggio affidato alla ghirlanda di fiori centrale.

''Ha dedicato tutta la sua vita ed energia al popolo cinese, ha dedicato la sua vita alla lotta per l'indipendenza nazionale, la liberazione del popolo, la prosperità nazionale e la felicità del popolo'', ha detto Xi. ''Alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90 si sono verificate gravi tempeste politiche in patria e all'estero e il socialismo mondiale ha conosciuto gravi complicazioni.

Alcuni paesi occidentali hanno imposto le cosiddette 'sanzioni' alla Cina'', ha proseguito Xi. "Il Comitato centrale del Pcc invita l'intero partito, l'esercito e il popolo di tutti i gruppi etnici in Cina a trasformare il dolore in forza", ha aggiunto.

Tra i partecipanti alla cerimonia funebre anche l'ex leader del Pcc, Hu, che ieri ha partecipato a un tributo a Jiang Zemin in un ospedale militare a Pechino. L'allontanamento di Hu dalla sessione conclusiva del XX Congresso è stato visto come altamente simbolico dell'epurazione politica condotta da Xi in quell'incontro, espellendo potenziali figure dell'opposizione, inclusi tutti i membri della Lega della Gioventù Comunista.