×

Un Alieno a Roma, Federico Lobuono ai giovani: mettetevi in gioco

Roma, 30 lug. (askanews) – Un alieno viene mandato sulla terra per analizzare le cause del fallimento della sinistra in Italia e della sua estrema conflittualità. L’extraterrestre si scontra con un sistema politico vecchio, autoreferenziale e avverso ai temi della modernità. Tra metafore e fantascienza, senza far nomi ed alludendo sempre, Federico Lobuono racconta in “Un Alieno a Roma”, il punto di vista di un giovanissimo alle prese con un mondo antico che avrebbe necessità di rinnovarsi e non ne trova la strada.

Ma Federico Lobuono, nato a Lecce 21 anni fa e trasferitosi a Roma sedicenne, oltre che autore del libro è anche già un politico che prova ad aprirle queste strade per le nuove

generazioni. Prima la community dei Pischelli in cammino, poi le start up editoriali, infine l’impegno diretto per Roma, fondando nel Settembre 2020, assieme ad un gruppo di ragazzi, La Giovane Roma, una lista per le elezioni amministrative del 2021 della Capitale.

Un Alieno a Roma insomma è anche un grido di battaglia per la prossima campagna elettorale, che lo ha visto chiudere, dopo essersi inizialmente candidato a sindaco, un’alleanza con

Roberto Gualtieri. Questo nonostante Lobuono con la sinistra

capitolina ci vada giù duro:

“Ha ragione quando dice che il libro ci va giù duro, ma perchè è

giusto così, perchè è una critica ad un sistema politico

arroccato su tematiche obsolete che non lascia spazio alle nuove

generazioni. Io mi sono candidato a settembre quando nessuno lo

voleva fare e la retorica che passava su Roma era che si trattava

di una città ingovernabile, che non valeva la pena candidarsi,

tanto valeva metterci qualcuno da buttare a mare regalando la

città agli avversari. Mi sono candidato per quella retorica, e

per quella che dice che i giovani non sono più quelli di una

volta, non hanno voglia di fare, stanno tutto il tempo a casa sul

divano a giocare ai videogame. Invece volevo dire che fuori c’era

una generazione nuova che ha voglia di farsi sentire, di mettersi

in gioco. Per questo abbiamo creato una lista, “La Giovane Roma”.

Poi ho conosciuto Roberto Gualtieri, un uomo in grado di

ascoltare e di coinvolgere e abbiamo detto mettiamoci in gioco

seriamente e abbiamo deciso di sostenere Gualtieri in questa

operazione”.

Torniamo al libro, in realtà che cosa rappresenta nelle

intenzioni di Lobuono?

“E’ uno sfogo di un periodo che io ho passato, sono stato

iscritto prima al Pd e poi a Italia Viva. E sono scappato dai

partiti, dove è impossibile provare a mettersi in gioco e farsi

sentire. Nel libro parlo di quelli che chiamo “i sottufficiali”

che ogni volta che c’è qualcuno che prova a fare qualcosa sono

pronti a metterti i bastoni tra le ruote. E’ uno sfogo quindi ma

spero che potrà essere utile ai leader dei partiti, quelli della

sinistra ma mi sembra che la situazione sia la stessa un pò

ovunque. Diciamo che spero che il libro possa rappresentare il

manifesto di una generazione che è stanca di stare a guardare e

vuole mettersi in gioco”.

Ora le elezioni, qualche esempio di punto programmatico

qualificante per i giovani romani?

“Roma non è una città universitaria, anche se ospita alcuni degli

atenei più grandi d’Europa ma uno studente che si laurea a Roma

in quali aziende potrebbe andare a lavorare ora che le aziende

sono andate tutte via? E poi il caro affitti, il caro libri, il

caro vita rende per qualsiasi studente fuori sede impraticabile

l’idea di stabilirsi qui a Roma. E’ su queste proposte che parte

la nostra candidatura”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora