Come imparare a guidare un gommone

Come guidare un gommone

Motori

Come guidare un gommone

gommone

Navigare utilizzando un gommone è una pratica ormai sempre più comune. Bisogna fare però attenzione a guidarlo con cautela.

La navigazione sul gommone sta diventando sempre più di moda. Molto spesso, quando si compra o si noleggia una barca, non si fa caso al fatto che la guida in mare richiede la medesima attenzione quanto la guida su strada. Per questo motivo, per condurre determinate categorie di barche, è necessaria la patente nautica.

Come guidare un gommone

Un gommone è una barca leggera costruita con tubi flessibili contenenti gas in pressione. Alcuni gommoni sono stati progettati per essere smontati e imballati in un piccolo volume, in modo che possano essere facilmente immagazzinati e trasportati all’acqua quando necessario. Questa funzione consente a tali imbarcazioni di essere utilizzate come zattere di salvataggio per barche più grandi e aeromobili, e per scopi di viaggio. Guidare un gommone è molto diverso rispetto a guidare una macchina e, in alcuni casi, è proprio il contrario.

Istruzioni

  • Per prima cosa bisogna prendersi il tempo per familiarizzare con il gommone.

    Quando si guida un gommone per la prima volta, bisogna muoversi lentamente e con cautela.

  • Fare un po’ di pratica con una persona che sappia navigare è molto consigliato. Questo permetterà di per capire bene le manovre da eseguire.
  • Mai mettere la marcia quando si hanno persone in acqua vicine al gommone. Questo potrebbe provocare seri danni alla persona.
  • Solitamente il gommone dispone di gas a mano(come il motorino) sulla barra direzionale di guida. Quella leva sul motore non è altro che il comando delle marce:marcia avanti/folle/retromarcia, poi dovrebbero esserci lo stacco di sicurezza con il laccetto da collegare al tuo polso(in caso di caduta in mare si stacca la chiavetta e spegne il motore)e il pulsante di spegnimento.
  • Quando si innestano le marce(o si riporta il motore in folle) togliere il gas prima ed azionare il comando quando il motore sia ad basso numero di giri (minimo) per evitare possibili danneggiamenti agli organi di trasmissione.
  • Visto che si è in acqua e non sulla terra, non si hanno freni.

    Per fermarsi bisogna togliere il gas prima e poi innestare la retromarcia (altrimenti il mezzo comunque continuerà a “scivolare” sull’acqua).

  • Quando ci si avvicina alla riva o comunque in acque molto basse, spegnere il motore e sollevarlo per evitare che l’elica o il piede possano urtare il fondale o eventuali ostacoli danneggiandosi.

Il nuovo gommone Intex 58357 con remi per due persone e con tre camere d’aria si conferma come il must have dell’estate per chi ha voglia di andare in esplorazione. Resistente e robusto, il canotto è ideale per divertirsi con gli amici e per fare escursioni a mare o in lago, grazie alla dotazione completa di pompa, remi e corda.

Il canotto Intex 68324 per quattro persone e con remi in alluminio ha una capacità superiore rispetto al canotto precedente ed è realizzato con materiali di ottima qualità. Ideale da usare con la famiglia e per pescare, il canotto è robusto e completo di remi e portacanne.

Altamente professionale, il gommone di Jilong è leggero, semplice da montare e fornito di tutto il materiale necessario.

Facile da gonfiare e sgonfiare, il gommone è ideale per due persone e compatibile con diversi tipi di motore.

Cosa serve per guidare un gommone

Per chi vuole guidare un gommone, a differenza di altre barche, non sempre la patente nautica è necessaria. Essa viene richiesta solamente nel caso il gommone abbia una potenza superiore ai 40 cavalli. Nel caso l’avesse inferiore, per guidare un gommone è sufficiente aver compiuto i 16 anni di età.

Esistono delle regole basilari ma fondamentali per chiunque voglia iniziare ad utilizzare un gommone o una barca. Esse sono da seguire con scrupolo onde evitare di poter creare pericolo per se stessi e per gli altri. Come prima regola è importante mantenere sempre una distanza di almeno 500 metri dalla riva. Questo è dato dal fatto che si vuole evitare sia di disturbare i bagnanti sia di non andare troppo al largo se non si è esperti. Utile è anche informarmi bene sui i limiti di velocità della zona in cui si sta navigando.

Fondamentale, infine, è fare molta attenzione alle boe che segnalano la presenza di sub.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche