Dopo quanto tempo fa effetto la tachipirina 1000?

Salute

Dopo quanto tempo fa effetto la tachipirina 1000?

Tachipirina 1000

La tachipirina è un medicinale a base di paracetamolo ed è un valido sostituto dell’aspirina soprattutto per coloro che sono soggetti a problemi di stomaco o a terapie a base di anticoagulanti. A seconda del tipo di disturbo e della sua gravità, ma anche alle modalità di assunzione (se per via orale o rettale), ha effetto dai 20 minuti ad 1 ora. La tachipirina, infatti, nasce come antipiretico (per abbassare la febbre) ma viene solitamente usata come antidolorifico o analgesico blando contro il mal di testa, raffreddore acuto, dolori legati alle mestruazioni o altri dolori infiammatori diffusi.

È reperibile in tutte le farmacie, sono presenti diverse posologie e dosaggi e vengono somministrate a seconda dell’età, del peso e della tipologia del medicinale. Può essere assunto per via orale, con compresse (Tachipirina 500 milligrammi, farmaco da banco, e 1000 milligrammi, che necessita di ricetta medica), bustine idrosolubili da assumere con acqua, gocce (solitamente per i bambini più piccoli) e sciroppo oppure per via rettale, tramite supposte.

Solitamente è uno dei medicinali più efficaci e utilizzati per la febbre mentre per quanto riguarda il suo effetto antinfiammatorio ha riscontri decisamente inferiori rispetto ad altri medicinali.

Generalmente è ben tollerata perché non è a base di salicilati, come invece accade per tanti altri farmaci, quindi è ben sopportata a livello gastrico e viene somministrata anche ai bambini o alle donne incinte, sempre previo consulto medico. Negli adulti e nei ragazzi con età superiore a 15 anni, la tachipirina 1000 può essere utilizzata una o due volte al giorno a seconda della prescrizione del medico, che potrebbe indicare di aumentare o diminuire il dosaggio. In ogni caso, tra una somministrazione della compressa da 1000 mg di paracetamolo e l’altra, devono essere trascorse almeno 4 ore. Per i bambini di età compresa tra i 6 e i 15 anni, diversamente, il dosaggio dovrà essere notevolmente inferiore rispetto al Paracetamolo 1000 mg (generalmente, 250 mg o, al massimo, 500 mg).

Generalmente, la tachipirina 1000 non determina alcun effetto indesiderato nell’organismo del paziente ma sono stati segnalati casi di reazioni cutanee di vario tipo e di diversa entità.

Gli altri effetti indesiderati sorgono esclusivamente nel caso in cui il soggetto mostri un’ipersensibilità nei confronti del farmaco. Nel caso in cui ci si renda conto di presentare questi sintomi, si consiglia l’immediata interruzione della terapia e il consulto con il proprio medico curante. Onde evitare ulteriori problemi, è necessario controllare sul bugiardino che non vi siano interferenza con altri farmaci che si stanno assumendo – ad esempio farmaci per la pressione o contraccettivi come pillola o anello vaginale.

Gli effetti collaterali più gravi possono presentarsi in caso di sovradosaggio e uso prolungato del farmaco. In tal caso possono essere colpiti e danneggiati diversi organi, ma soprattutto reni e fegato – quelli più interessati. Qualora debba infettare il fegato, potrebbe avere effetti potenzialmente letali e pertanto, si consiglia di rispettare sempre le dosi e la tempistica delle assunzioni, consigliate dal medico e dal foglietto illustrativo, che va letto con molta attenzione, e assumere il medicinale soltanto in caso di un reale bisogno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche