×

Come Insegnare l’Educazione Stradale ai Bambini

Il modo migliore di insegnare al bambino l'educazione stradale è quello dimostrargli il proprio comportamento ed il buon esempio, bisogna dimenticarsi le cattive abitudini dettare da una ormai acquisita sicurezza e riprendere le vesti del...

default featured image 3 1200x900 768x576

gioco

Il modo migliore per insegnare al bambino l’educazione stradale è quello di mostrargli il proprio comportamento ed il buon esempio.

Bisogna dimenticarsi le cattive abitudini dettate da un’ormai acquisita sicurezza e riprendere le vesti del pedone corretto:

non attraversare mai con il rosso;

-non zigzagare fra le auto;

-rispettare le precedenze, ecc.

in modo che il bambino possa apprendere il comportamento bnel modo piu’ sicuro e quindi migliore.

Quando si attraversa una strada, il bambino deve essere tenuto per mano e istruito sulla modalità. Gli si deve insegnare dove fermarsi, dove aspettare, qual’è il limite oltre in quale non puo’ andare senza un adulto, come devono essere interpretati i colori dei semafori ed il significato della strisce pedonali.

L’attraversamento della strada sulle strisce pedonali è un’operazione da compiere in tutta calma, senza mai gettarsi nel traffico prima di avere guardato in entrambi i lati. Se si spinge un passeggino, tenrlo sul marciapiede fino al momento di attraversare.

La comprensione dei pericoli della strada è relativa alla zona in cui il bambino vive. Se ad esempio, cresce in un tranquillo paese di campagna, non ha spesso cognizione del traffico vero e proprio: a maggior ragione, quando va in città, deve essere assistito e guidato.

In questi casi è piu’ utile e piu’ sicuro insegnare l’educazione stradale dell’auto, ovvero, si mostano i passaggi pedonali, i punti meno pericolosi, le regole dei cartelli, le insiedie degli incroci e dei parcheggi, nonchè i pedoni corretti e quelli scorretti.

La situazione del traffico nella zona in cui si vive è un fattore da non trascurare. Insieme alla velocità, è quello che comporta i rischi maggiori per i pedoni. In altre parole, chi vive lungo strade molto trafficate, o di grande passaggio, è piu’ a rischio di incidenti di chi vive in sone residenziali dove la velocità ed il traffico sono controllati. Nel primo caso, un bambino non puo’ in alcun modo essere autorizzato ad uscire da solo.

In alcuni casi, è possibile discutere a livello comunale la possibilità di limitare determinate zone al traffico locale o controllarne la velocità. I genitori non dovrebbero lasciare mai nulla di intentato per la sicurezza dei propri figli.

Contents.media
Ultima ora