> > Dl ministeri: Giachetti, 'dicastero Umiliazione una provocazione, non si...

Dl ministeri: Giachetti, 'dicastero Umiliazione una provocazione, non si boccia così una norma'

default featured image 3 1200x900

Roma, 5 dic (Adnkronos) - "Chi stabilisce cosa è ironia o no? Da domani, questa valutazione può essere fatta su qualunque cosa". Roberto Giachetti ha protestato in aula alla Camera, durante l'esame del Dl ministeri, dopo che la presidenza di turno ha bocciato un emendame...

Roma, 5 dic (Adnkronos) – "Chi stabilisce cosa è ironia o no? Da domani, questa valutazione può essere fatta su qualunque cosa".

Roberto Giachetti ha protestato in aula alla Camera, durante l'esame del Dl ministeri, dopo che la presidenza di turno ha bocciato un emendamento a prima firma Magi perché "dal contenuto ironico".

"Al nome ministero dell'Istruzione e del merito, l'emendamento sostituiva la parola umiliazione. Era una provocazione, una presa in giro, ma basata su una parola che lo stesso ministro ha usato -spiega il deputato di Iv all'Adnkronos-. Il presidente dell'aula, in questo caso, ha un potere insindacabile, l'emendamento inammissibile non viene più messo in votazione.

Si tratta di un tema molto delicato, sul quale bisognerebbe procedere con tutte le cautele del caso. E invece, sulla base di un precedente del 2007, il presidente in questo caso si elèva ad arbitro e decide cosa è ironico. Il rischio è che da domani questa valutazione può essere fatta su qualunque cosa e un emendamento non potrà più essere messo ai voti".