×

Migranti: atteso nuovo scontro in Giunta su Salvini, accusa e difesa su caso Open Arms (2)

Condividi su Facebook

(Adnkronos) – E la Open Arms, nel frattempo, resta in attesa e dice all'Adnkronos: "Attendiamo fiduciosi". "Il provvedimento è molto chiaro", secondo la Ong spagnola "rispetto alle dinamiche degli eventi dell'agosto 2019". Ma cosa era accaduto in quel rovente agosto scorso? L’imbarcazione, che aveva raccolto 161 naufraghi, rimase in mare in attesa di un porto di sbarco ben 19 giorni tra il primo e il 20 agosto del 2019, proprio nei giorni in cui si consumava la crisi di governo. Sia l’Italia che Malta negavano il porto di approdo finché la nave si avvicinò a Lampedusa, entrando nelle acque territoriali italiane. A quel punto, per far sbarcare i profughi fu necessario un 'blitz' a bordo del Procuratore capo di Agrigento in persona, Luigi Patronaggio, con due medici che constatarono la insostenibile situazione sanitaria.

Scattò, dunque, il sequestro della nave e, di fatto, la necessità di far scendere a terra i migranti.

E' un duro atto di accusa quello delle tre giudici – del Tribunale dei ministri nei confronti del leader della Lega che ribadiscono quanto, in quei giorni, Salvini abbia "scientemente" "ignorato l'emergenza sanitaria mettendo veti alle autorità locali". Ricordano anche che il politico non aveva fatto scendere i minori a bordo "nonostante un provvedimento del tribunale dei minori". Per le giudici ha anche "ignorato il Tar del Lazio con interpretazioni giuridiche" non valide.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche