×

Coronavirus: Ramenghi (Ubs), 'eurozona ha retto urto, segnali di ottimismo da imprese' (2)

Condividi su Facebook

(Adnkronos) – Per Ramenghi, "considerando che i consumi sono stati fortemente ridotti durante il lockdown e i tassi di risparmio sono temporaneamente aumentati, si potrebbe sperare in un’accelerazione nella seconda parte dell’anno. Molto dipende dalla paura del virus e dalla capacità dei governi di trasmettere fiducia riguardo alle prospettive economiche".

Un fattore di attenzione è rappresentato dalla forza dell’euro delle ultime settimane. Ramenghi ricorda che dai minimi di marzo il cambio contro il dollaro si è rafforzato del 10%, anche se rispetto a fine 2019 l’apprezzamento è solo del 6%. "Circa la metà dei ricavi dell’indice Euro Stoxx è legata agli scambi con l’estero e quindi il cambio è una variabile importante. L’economia dell’eurozona è più dipendente dall’export non solo rispetto agli Stati Uniti, ma anche al Giappone e alla Cina.

Quindi la ripresa della domanda domestica, e le iniziative di governi e Ue per alimentarla, sono quanto mai fondamentali per la ripartenza".

Uno dei driver della ripresa, sottolinea il cio di Ubs Wm Italy, sarà la sostenibilità ambientale. "Il ruolo dei governi e della Ue sarà centrale per far ripartire l’economia e una porzione significativa degli stimoli fiscali varati dai singoli Stati e del Recovery Fund sono diretti verso la sostenibilità".

L’Europa "è già l’area economica più attenta alla sostenibilità: meno di un anno fa l’Unione ha presentato lo European Green Deal, un piano per contenere l’utilizzo delle risorse naturali e procedere verso un’economia più pulita e circolare. Ora a questi obiettivi si affiancano risorse ingenti. Efficienza energetica, rinnovabili, 5G e ferrovie sono tra le aree che riceveranno più investimenti con l’obiettivo di rendere più sostenibile e più digitale la nostra economia".


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.