×

**M5S: inquirenti, Grillo 'tutelava' Onorato, 'va trattato bene'**

default featured image 3 1200x900 768x576

Milano, 20 gen. (Adnkronos) – "Questo dobbiamo trattarlo bene". E' il tenore dei messaggi che Beppe Grillo, garante del Movimento Cinquestelle, avrebbe indirizzato ai parlamentari più direttamente coinvolti nelle questioni legate alle concessioni delle tratte e alle norme sugli sgravi fiscali nel settore del trasporto marittimo.

Parole che sarebbero state pronunciate per aiutare l'amico di vecchia data Vincenzo Onorato, fondatore del gruppo Moby, con cui, a partire dal marzo 2018, Grillo stringe un accordo di partnership per pubblicizzare la compagnia di navigazione sul suo famoso blog.

L'indiscrezione emerge nell'inchiesta che ha portato la procura di Milano a indagare Grillo e l'armatore Vincenzo Onorato per traffico di influenze illecite. L'accusa (tutta da dimostrare) è che l'armatore, dietro il contratto pubblicitario – costato 240mila euro in due anni -, stesse in realtà comprando l'influenza sul Movimento per uscire dalla crisi in cui, anche oggi, versa il gruppo.

Onorato non è un volto sconosciuto nel Palazzo di giustizia a Milano. La procura indaga da tempo su un doppio binario: uno fallimentare – da poche ore è stato depositato un nuovo piano per il salvataggio di Moby – e l'altro penale su presunti reati tributari. L'armatore, travolto dai debiti, si sarebbe rivolto all'amico di sempre.

Contents.media
Ultima ora