Per quanto tempo si mantengono buone le uova sode COMMENTA  

Per quanto tempo si mantengono buone le uova sode COMMENTA  

Per quanto tempo si mantengono buone le uova sode
Per quanto tempo si mantengono buone le uova sode

Le uova sode sono uno snack proteico perfetto da mangiare al volo. Ma per quanto rimangono fresche? Ecco alcuni consigli per cucinarle e conservarle.

Le uova sode sono un ottimo piatto da usare nelle insalate o come contorno. Sono facili da cucinare, ma necessitano di qualche accorgimento per evitare che si rompano durante la cottura. Inoltre, vanno anche conservate nella maniera giusta per evitare che vadano a male. La conservazione delle uova fresche può essere effettuata a temperatura ambiente (ma non superiore a 25° C) o in frigorifero.


Rispetto alle uova fresche, però, le uova bollite si mantengono meno a lungo perché, in generale, la bollitura distrugge l’impermeabilità del guscio che ha la funzione di barriera, esponendo quindi l’interno a contaminazione e degradazione. Per questo motivo, se a un uovo si rompe il guscio è meglio consumarlo più velocemente delle altre uova nella confezione. Un uovo andato a male si riconosce immediatamente dall’odore.


Come si conservano le uova sode in frigorifero

Ma quanto durano le uova fresche di gallina in frigo? In generale la durata delle uova è di circa 28 giorni se tenute a temperatura ambiente, ma se conservate in frigorifero hanno una durata maggiore. Le uova sode si mantengono per circa una settimana quando sono conservate in frigorifero, ma è importante non metterle mai in freezer. Dopo averle fatte bollire passatele sotto acqua fredda corrente per raffreddarle e, se non vengono mangiate subito, mettetele in frigorifero.

Non lasciatele a temperatura ambiente per troppo tempo. Tenerle nel guscio rende più facile la conservazione. Se sgusciate, si manterranno buone per una settimana nel frigorifero, ma avranno bisogno di maggiore attenzione. Conservatele immerse in acqua fredda o avvolte in un tovagliolo di carta bagnato all’interno di un contenitore sigillato. Questo ne prolunga la freschezza e previene che si trasferiscano odori da altri cibi. Se le servite come parte di un buffet tenetele nel guscio sopra a del ghiaccio. Non tenetele nell’acqua calda, poiché questo favorisce la crescita di batteri. Mettete le uova non consumate in frigorifero il prima possibile.

Alcuni consigli per cucinare le uova sode

In primo luogo, è importante cuocere le uova partendo dall’acqua fredda; immergere le uova direttamente in acqua bollente potrebbe causare uno shock termico e portare alla rottura del guscio. Inoltre, se state cuocendo più uova, l’acqua in movimento può far scontrare i gusci tra loro, causando crepe. Per maggiore sicurezza, potete bucare il fondo dell’uovo con un ago, in modo che il guscio non si rompa.


Aggiungere un pizzico di sale all’acqua bollente può contribuire a rassodare gli albumi più velocemente, ma anche a sigillare le eventuali crepe. Il tempo di cottura è di circa 8-10 minuti, anche se dipende da come si preferisce la consistenza. Per una consistenza più morbida, toglieteli prima dall’acqua, altrimenti teneteli di più, cercando però di non superare i dieci minuti per non stracuocere l’uovo e perdere tutti i suoi nutrienti.

L'articolo prosegue subito dopo


Se in corso di cottura un uovo dovesse rompersi, provate a rimediare aggiungendo un cucchiaino di aceto, in modo da aiutare le proteine dell’albume a coagularsi. Per sbucciarle con più facilità, aspettate che si raffreddino, poi fatele rotolare delicatamente su una superficie piana, schiacciandole leggermente con il palmo della mano. In questo modo il guscio si frantumerà e sarà possibile pelare l’uovo senza doverlo tagliare. Sarà sufficiente poi sciacquarlo con acqua fredda per eliminare tutti i residui.

Sapete come riconoscere un uovo crudo da uno sodo senza togliere il guscio?

Per capire se un uovo è crudo o sodo senza spiacevoli conseguenze, ponete le due uova su un piano orizzontale e fatele ruotare con delicatezza.

Se l’uovo avrà un movimento regolare, sarà quello sodo; se invece effettuerà delle rotazione, allora significa che è crudo. Questo dipende dal fatto che il contenuto dell’uovo crudo è liquido; durante il movimento, la forza centrifuga muove il liquido sbattendolo a destra e sinistra e questo farò traballare l’uovo. Inoltre, se si prova a toccare l’uovo fresco con un dito per fermarlo, questo, una volta tolto il dito, continuerà a roteare poiché i liquidi interni tendono a mantenere il movimento per inerzia.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*