×

Cinema: è morto Norman Lloyd, star per Hitchcock e preside 'Attimo fuggente' (2)

default featured image 3 1200x900 768x576

(Adnkronos) – Intense le apparizioni di Lloyd sul grande schermo negli anni '40: "Il fantasma" di Lewis Allen (1945), "Gli ammutinati di Sing Sing" di H. Bruce Humberstone (1945), "L'uomo del sud" di Jean Renoir (1945), "Io ti salverò" Hitchcock (1945), "Salerno, ora X" di Lewis Milestone (1945), "Una lettera per Eva" di Jules Dassin (1946), "Una giovane vedova" di Edwin L.

Marin (1946), "Anni verdi" di Victor Saville (1946), "La morte è discesa a Hiroshima" di Norman Taurog (1947), "Occhio per occhio" di George Sherman (1949), "Il regno del terrore" di Anthony Mann (1949). Richard Brooks lo ha diretti in "L'immagine meravigliosa" (1952) mentre Chaplin, del quale è stato grande amico, in "Luci della ribalta" (1952), in cui interpreta l'impresario Bodalink.

All'inizio degli anni Cinquanta il maccartismo interruppe bruscamente la sua carriera cinematografica a causa delle sue posizioni progressiste e per oltre vent'anni lavoreò esclusivamente a teatro ed in televisione: in particolare si ricordano le sue interpretazioni di alcuni episodi della serie "Alfred Hitchcock presenta".

E' poi apparso in numerose serie televisive negli anni '70 e '80 come "Quincy", "Star Trek: The Next Generation", "La signora in giallo", "Kojak" e "Ai confini della realtà".

Contents.media
Ultima ora