×

Colombia, fuochi e performance contro governo e abusi polizia

Roma, 12 mag. (askanews) – I residenti di Cali, nel sud-ovest della Colombia, sono scesi in strada per protestare contro il governo. Hanno acceso fuochi, partecipato a cortei e alcuni artisti hanno organizzato una performance per denunciare le violenze della polizia. “Basta crimini di Stato” e “A Cali – terza città della Colombia – scorre sangue per mano dello Stato”, si legge sui cartelli.

“In questo momento sono iniziate delle marce pacifiche, sono iniziate facendo riunioni, canti e petizioni con il passare delle ore, hanno iniziato ad avanzare e le cose sono cambiate.

Ha iniziato a venire l’Esmad (la polizia in tenuta anti-sommossa colombiana), a mettere pressione con i gas lacrimogeni”, spiega un residente del quartiere Siloé a Cali.

“Al momento i giovani chiedono, prima di tutto, opportunità per poter studiare e lavorare. E poi chiedono garanzie per le loro vite dopo tutto questo tema della disoccupazione”, ha spiegato il pastore della Chiesa metodista colombiana di Cali, Luis Miguel Caviedes.

“La performance si chiama ‘Chi li ha uccisi?’.

È una performance che vuole raccontare al mondo intero cosa sta accadendo in Colombia e come la gente giovane viene uccisa, come i giovani vengono maltrattati dalle forze di polizia e tutto questo per essere semplicemente uscito in strada per dire che la Colombia sta venendo violentata”, ha denunciato Angie Ramirez, artista che ha partecipato alla performance.

Sono almeno 42 i morti registrati nelle proteste quasi quotidiane contro il governo colombiano dal 28 aprile scorso, secondo il difensore civico per i diritti umani del paese. Tutti, eccetto uno che era dell’esercito, sono civili, ha aggiunto. Secondo le ong, i morti sono 47, 39 dei quali deceduti a causa delle violenze della polizia. Il ministero della Difesa ha riferito di 849 poliziotti feriti durante gli scontri, 12 raggiunti da colpi di arma da fuoco e non ha aggiornato il numero dei civili feriti, i quali erano 306 al 3 maggio scorso.

(immagini Afp)

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora