Pisa, larve nel cibo della mensa scolastica | Notizie.it
Pisa, larve nel cibo della mensa scolastica
Cronaca

Pisa, larve nel cibo della mensa scolastica

bambini mensa

In due mense scolastiche del pisano sono stati serviti piatti contenenti insetti. Gli insegnanti sono intervenuti prima che i bambini mangiassero.

In due scuole della provincia di Pisa sono stati rinvenuti larve e vermi all’interno dei piatti serviti nella mensa. Ad accorgersi degli insetti sono stati gli insegnanti che hanno subito ritirato i piatti. Immediatamente sospeso il servizio mensa.

Larve nel cibo

Ben due mense scolastiche del pisano hanno servito, nella giornata di mercoledì 14 novembre, piatti con larve di insetti. Il fatto è accaduto nella scuola elementare di Orentano e nella scuola dell’infanzia di Villa Campanile.

A dare l’allarme sono stati gli insegnanti, accortisi della presenza di insetti nei piatti. Subito sono stati ritirati i piatti ai bambini e il pasto è stato sospeso. Sulla vicenda è intervenuto Gabriele Toti, sindaco di Castelfranco di Sotto, comune a cui le due frazioni fanno capo. “Genitori e insegnati mi hanno informato dell’accaduto – ha affermato il primo cittadino – è inammissibile e inaccettabile. Ho subito scritto all’Azienda che gestisce i rapporti con la ditta che fornisce il servizio.

Ho anche attivato tutte le verifiche del caso e ho chiesto approfondimenti per capire come i vermi siano finiti nei piatti dei bambini. Ora spetterà alla Asl indagare sull’episodio e sulla situazione del servizio mense nelle nostre scuole”.

Il caso di San Donato

Quello di Pisa non è il primo caso di questo genere. A settembre 2016 e febbraio 2017, a San Donato Milanese la mensa di una scuola era finita nell’occhio del ciclone proprio per la presenza di insetti nei piatti serviti ai bambini. In quel caso, però, ciò che aveva fatto scalpore, era stata la riconferma della medesima società al successivo bando. I genitori si erano detti indignati per il comportamento assunto dal Comune, il quale aveva deciso di rinnovare l’appalto anche dopo i gravissimi fatti accaduti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche