Napoli, donna muore in ospedale: parenti picchiano medici per vendetta
Napoli, donna muore in ospedale: parenti picchiano medici per vendetta
Cronaca

Napoli, donna muore in ospedale: parenti picchiano medici per vendetta

Donna muore ospedale parenti picchiano medici

Napoli, donna 55enne muore in ospedale: i parenti decidono di vendicarsi prendendosela con medici ed infermieri. I Carabinieri evitano il peggio.

Una morte inaspettata, difficile da sopportare e in grado di provocare una rabbia insostenibile, a tratti accecante, ai parenti della vittima. Una donna di cinquantacinque anni muore in ospedale (il Sant’Anna e Santissima Maria della Neve di Boscotrecase, in provincia di Napoli) dove era ricoverata da quattro giorni. I parenti reagiscono alla morte scagliandosi contro i medici e gli infermieri del reparto.

Medici e infermieri picchiati



La morte della donna non è stata accettata dai parenti della vittima che hanno deciso di farsi vendetta da soli prendendo d’assalto il reparto di medicina d’urgenza del nosocomio picchiando, secondo una prima ricostruzione, i medici e gli infermieri presenti. Oltre ai danni fisici alle persone avrebbero poi sfasciato alcuni macchinari presenti nell’ospedale. La ragione è sempre la rabbia per la perdita della loro cara.

La situazione si è calmata soltanto grazie all’intervento dei Carabinieri, capaci di evitare che lo stato delle cose peggiorasse ulteriormente. Le Forze dell’Ordine hanno ovviamente anche identificato gli esecutori, circa una decina, dell’aggressione al personale dell’ospedale prendendo ogni provvedimento del caso.

I parenti hanno sporto denuncia

I parenti della donna, intanto, hanno deciso di sporgere denuncia.

La Procura ha già aperto un’inchiesta sul caso sequestrando il corpo della donna e trasferendolo all’obitorio di Castellammare di Stabia. I magistrati hanno dato disposizione di procedere con l’autopsia sulla salma in modo da chiarire le cause della morte della 55enne e dare un po’ di pace, se possibile, ai parenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche