×

Cina, neonato sepolto vivo. La famiglia: “Lo credevamo morto”

Un neonato è stato ritrovato da passanti dopo esser stato sepolto vivo dalla propria famiglia: indagano le forze dell'ordine.

Un neonato è stato ritrovato miracolosamente vivo in Cina orientale, dopo esser stato sepolto vivo dalla sua stessa famiglia. La scoperta arriva da semplici passanti i quali, sentiti gemiti provenienti dal piccolo, ha cercato di individuare esattamente la posizione esatta del corpo.

Cina, sepolto vivo un neonato

Al momento del ritrovamento, il bimbo era affetto da ittero e anemia, ma nulla che ha destato particolari preoccupazioni al personale sanitario dell’ospedale presso cui è stato immediatamente trasportato. Le sue condizioni di salute sono buone, i trattamenti medici hanno ristabilito perfettamente il piccolo. Secondo quanto emerso, la famiglia sarebbe venuta a conoscenza dell’accaduto solo attraverso i media locali. Appresa la notizia, uno dei familiari si sarebbe autodenunciato dichiarando che il bimbo era stato dichiarato morto due giorni seguenti al parto per problemi respiratori.

Inoltre, secondo fonti interne, il nonno avrebbe dichiarato morto il proprio nipotino inducendo la famiglia a seppellirlo. Proseguono le indagini delle forze dell’ordine per ricostruire, esattamente, la reale dinamica dei fatti.

Il precedente: altro neonato sepolto

Non troppi anni fa, esattamente nell’aprile del 2015, un altro episodio scosse l’opinione pubblica in Cina: una famiglia aveva sepolto vivo il proprio figlio appena nato a causa della disabilità che era stata diagnosticata. Anche in quel caso il neonato riuscì, miracolosamente, a sopravvivere dopo otto giorni sottoterra. I genitori furono arrestati per tentato omicidio e non fu più riconosciuta loro la patria potestà. In Cina di episodi simili se ne registrano annualmente e, ciò, ha spinto il Governo cinese ad intervenire nel 2014 in un ospedale di Guangzhou con l’instaurazione della ‘ruota degli esposti‘, mediante cui si riconosce ai genitori la facoltà di lasciare i propri figli indesiderati.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche