×

Giustizia: Rampi (Pd), 'non mi ritrovo in parole e campagna referendaria'

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 19 giu. (Adnkronos) – "Ho ascoltato con attenzione le parole e i toni della manifestazione di piazza oggi in cui tra l’altro sono stati presentati i referendum sulla giustizia. Sono da sempre convinto che siano necessari interventi per rendere la giustizia italiana più giusta con una maggiore tutela per gli innocenti, contro l’abuso della carcerazione e della carcerazione preventiva.

Tra queste anche la responsabilità civile dei magistrati connessa necessariamente al superamento della obbligatorietà dell’azione penale. Lo penso, lo dico e lo agisco da sempre, da quando altri sventolavano il cappio in Parlamento. Oggi ho sentito espressioni e parole che saldano una cultura antiparlamentarista con una campagna contro la magistratura". Lo afferma il senatore del Pd Roberto Rampi, iscritto al Partito radicale e componente del Consiglio generale.

"Sono le categorie -ricorda- di chi promuove in tutta Europa il superamento della democrazia, dello Stato di diritto e della divisione dei poteri verso forme di populismo carismatico.

Non mi ci ritrovo e non la considero una campagna condivisibile”.

Contents.media
Ultima ora