×

Il ministro della Difesa di Kiev: “Già 20mila morti a Mariupol, è un genocidio”

Le terribili notizie che arrivano ministro della Difesa di Kiev e che sono state portate all'attenzione dell'Ue: “Già 20mila morti a Mariupol, è un genocidio”

Il ministro Reznikov

Le parole del ministro della Difesa di Kiev sono agghiaccianti: “Già 20mila morti a Mariupol, questo è un genocidio”. Il durissimo atto di accusa di Oleksij Reznikov arriva nella sede istituzionale dell’audizione presso il Parlamento Europeo dello stesso da parte della sottocommissione Sicurezza.

Ecco le parole di Reznikov: “Abbiamo notizie terribili. In primis da Mariupol dove le truppe russe stanno commettendo un vero e proprio genocidio nei confronti del popolo ucraino”.

“Finora 20mila morti a Mariupol, è un genocidio”

E ancora: “Una città dove vivevano prima 400 mila persone è da tre settimane in situazione di sopravvivenza senz’acqua, senza elettricità, colpiti dall’aviazione, dai carri armati, dai missili e viene così rasa al suolo.

Anche i convogli umanitari vengono bloccati continuamente. Sono sotto i missili, sotto le bombe”. Poi la stima dell’orrore: “Secondo le dichiarazioni delle autorità locali si stima che le perdite si attestino intorno ai ventimila civili. Sono numeri tragici che aumentano continuamente”.

Città cancellate e 400 scuole rase al suolo

E Reznikov ha citato anche l’esempio di altre città dell’Ucraina cancellate dalla furia delle truppe di Mosca: “Se guardate le cartine, trovate Volnovakha sulla cartina ma esiste solo lì ormai perché in realtà non esiste più.

Non ha resistito neanche un edificio a Volnovakha”. E in chiosa: “In tre settimane quattrocento scuole sono state distrutte, centodieci ospedali, più di mille edifici residenziali, più di cento cittadini ucraini sono rimasti seppelliti sotto le macerie”.

Contents.media
Ultima ora