I ginecologi avvertono: “Non mettete i ghiaccioli sulle parti intime”
Salute & Benessere

I ginecologi avvertono: “Non mettete i ghiaccioli sulle parti intime”

ghiaccioli
ghiaccioli

“Il ghiaccio può attaccarsi alla pelle delicata delle zone intime e causare traumi e danni anche gravi".

Il caldo torrido di questi giorni ha spinto un gruppo di ginecologi britannici a diffondere una segnalazione importante: “Non mettete ghiaccioli sulle parti intime, è pericoloso”. Infatti, come spiega la dottoressa Sarah Welsh al The Sun, “il ghiaccio può attaccarsi alla pelle delicata della vagina”. Questo, inoltre può “causare traumi e danni anche gravi”. Evitare i giochi erotici estremi è l’ammonimento dei ginecologi inglesi. Vediamo nel dettaglio i rischi collegati a questo gioco pericoloso.

No ai ghiaccioli sulle parti intime

La ginecologa britannica a spiegato i motivi per i quali occorre evitare di portare i ghiaccioli a contatto con le parti intime. “La vagina – spiega Sarah Welsh – è composta da una pelle molto delicata e sensibile. Inoltre, inserire qualsiasi alimento nella vagina può introdurre microbi, interrompendo il suo normale equilibrio e consentendo a un ambiente di crescita batterica e allo sviluppo di infezioni“. Una collega di Sarah, la dottoressa Anne Henderson, inoltre, aggiunge: “Il ghiaccio a contatto con il calore del corpo si scioglie velocemente.

Così il liquido come qualsiasi altra cosa con colorante alimentare, colorante, profumo o alti livelli di zucchero avrà un impatto negativo sul pH vaginale e sul lattobacillo e potrebbe aumentare il rischio di infezione vaginale come mughetto e vaginosi batterica”. Sono queste le patologie a cui vanno incontro coloro che utilizzano i ghiaccioli per giochi erotici con le parti intime.

Gioco erotico inutile e rischioso

Infine, per combattere il caldo questo gioco risulta sconsigliato oltre che inutile “poiché la temperatura corporea interna, compresa quella degli organi interni come la vagina, è impostata dal cervello e non può essere modificata dall’applicazione di alcun agente di raffreddamento come il ghiaccio, che nella migliore delle ipotesi fornirà un sollievo molto temporaneo prima che la temperatura aumenti di nuovo”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.