Come fare l’alcool in casa

Guide

Come fare l’alcool in casa

Come fare l'alcool in casa
Come fare l'alcool in casa

Acquistare alcolici nei negozi per le feste che organizzate a casa a volte è un po’ costoso. Un’alternativa? Perché non provate a farli voi?

Fare l’alcol in casa è piuttosto facile. Avete solo bisogno di qualche ingrediente per cominciare. Ecco alcune semplici istruzioni da seguire:

Ingredienti e materiale da preparare: Gli ingredienti e gli utensili necessari per preparare i liquori sono lievito di birra, acqua, zucchero da pasticceria, barattoli e filtri da caffè.

Sterilizzate i barattoli. La prima cosa da fare è sterilizzare i barattoli perchè siano puliti e pronti per contenere il liquore. Bollite dell’acqua e immergetevi i barattoli per eliminare i batteri. Dopo di che metteteli da parte e lasciateli asciugare.

Sciogliete lo zucchero. Scaldate dell’acqua fino a che non raggiunge la temperatura di 35°C. Prendete un barattolo e riempitelo per 3/4 con lo zucchero da pasticceria. Poi aggiungere l’acqua calda fino a che lo sciroppo così ottenuto raggiunge quasi il bordo superiore del barattolo.

Non riempite completamente. Lasciate qualche centimetro libero. Chiudete il barattolo e scuotete la miscela di acqua e zucchero fino a che lo zucchero si è disciolto nell’acqua.

Aggiungete il lievito. Aprire il barattolo e aggiungere una bustina di lievito alla miscela di acqua e zucchero. Chiudete il barattolo di nuovo e scuotete fino a che il lievito si è mischiato con l’acqua zuccherata. Dovreste ottenere un liquido dal colore crema.

Lasciate riposare la miscela. Prendete una bacinella larga dove potete mettere i barattoli. Riscaldate un po’ d’acqua a circa 40°C. Versatela nella bacinella. Togliete il coperchio dal barattolo e lasciate riposare il barattolo per circa 3 ore. Fate attenzione che l’acqua della bacinella non entri nei barattoli. Controllate l’acqua di tanto in tanto perchè mantenga la temperatura.

Preparate il barattolo. Dopo tre ore noterete che sulla parte superiore del barattolo si è formata una schiuma. Chiudete bene il barattolo stringendo il coperchio.

Usate un coltello affilato per bucare il coperchio, facendo un fiorellino. Prendete del tessuto e inseritelo nel buco che avete fatto. In questo modo uscirà l’anidride carbonica che c’è all’interno del barattolo.

Conservate la miscela. Mettete il barattolo in un luogo fresco e asciutto. Come ad esempio il garage. Fate in modo che nessuno li tocchi. Lasciate riposare la miscela per circa una settimana. Controllare che non ci siano più bolle sulla superficie.

Completate la miscela. Quando il composto è pronto usate un filtro da caffè per scolarlo. Otterrete solo il liquido alcolico. Il filtro da caffè tratterrà il lievito. Potete mischiare l’alcool con della frutta per cambiare il sapore.

Potete sperimentare diversi sapori da unire all’alcol prodotto con questa ricetta. Il prodotto così ottenuto ha un contenuto alcolico dal 10 al 20%.

Per saperne di più

L’alcolismo è un problema che riguarda molti giovani disposti a mettere a rischio la loro vita per una sana bevuta.

Il seguente libro Guida poco che devi bere mira a sensibilizzare i giovani sulle conseguenze che l’alcool può avere nel lungo periodo grazie ai suggerimenti e consigli per bere con riguardo e senza esagerare. Rievocando episodi della vita personale, Mauro Corona elenca con uno stile ironico e diretto i punti per divertirsi senza mettere a rischio la propria vita.

Il medico chirurgo Fassati espone in questo libro la sua esperienza vissute a fianco di ragazzi alcolisti per denunciare un problema rilevante che può avere gravi conseguenze sulla salute. Attraverso la descrizione di due casi clinici, l’autore vuole raggiungere un ampio numero di studenti per diffondere i problemi che l’alcolismo può creare se preso con leggerezza.

Il corpo non dimentica è la testimonianza di una donna che deve fare i conti con gli anni passati da alcolista. Anni pieni di notti insonni, ricordi offuscati e incontri con esperti che hanno reso la vita di Violetta Bellocchio una lotta alla sopravvivenza.

Descrivendo il percorso di disintossicazione che dopo costanza e pazienza ha condotto la donna a ritrovare se stessa e ricominciare a vivere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*