Coppia separata in casa da un muro

Esteri

Coppia separata in casa da un muro

Un giudice ha deciso che la casa di una coppia di ricchi russi fosse divisa in modo uguale ed ha effettuato l’ordine di separarla a metà con un muro… peccato che la moglie non possa più salire al piano di sopra perchè la scala è dal lato del marito.

“Certi amore non finiscono…” cantava Antonello Venditti, ma altri finiscono malissimo! E’ il caso di una ex coppia di coniugi russi che è arrivata a livelli davvero scioccanti di non sopportazione. Il giudice ha accolto la sentenza di divorzio di questi ricchi sposi di Mosca e nella divisione dei beni ha optato per una scelta che ha lasciato l’amaro in bocca alla bella Margarita Tsvitnenko. Secondo il tribunale, la loro bellissima casa, dal valore di 2, 5 milioni di euro, deve essere divisa in egual modo. L’emendamento è stato preso alla lettera e la villa è stata divisa in due grazie ad un muro, c’è solo un problema: Margarita non può arrivare in camera da letto perché non ha accesso alle scale.

La donna ha deciso di parlare con la stampa di questa storia, per cercare giustizia.

La Tsvitnenko ha raccontato:Il tribunale ha detto che devo provvedere io a costruire un’altra scala per me. Ho fatto appello e chiesto una proroga fino a marzo 2017, perché al momento non ho i soldi” Io e mio figlio di 12 anni stavamo facendo colazione quando l’impresa edile è entrata in casa, portandosi dietro dei blocchi di calcestruzzo. (…) C’era anche un ufficiale giudiziario, con un documento che diceva che avrei dovuto aver già provveduto alla costruzione della scala. Gli ho mostrato allora l’altro documento con cui la corte mi concedeva più tempo”. In realtà i lavori sono iniziati ugualmente e Margarita si è trovata a casa quell’assurdo muro. Quando hanno completato il muro però in casa la signora Tsvitneko aveva un’ospite, che dormiva proprio al piano di sopra, e si è svegliata impossibilitata a scendere. C’è stato bisogno della polizia e dei pompieri per far uscire l’ospite dalla stanza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche