Cura per ossa sporgenti dei piedi: quale scegliere

Salute

Cura per ossa sporgenti dei piedi: quale scegliere

Cura
Cura per ossa sporgenti dei piedi: quale scegliere

Tra i tanti problemi che possono affliggere i nostri piedi, troviamo quello, particolarmente fastidioso, delle ossa sporgenti. Eccone la cura

Tra i tanti problemi che possono affliggere i nostri piedi, troviamo quello, particolarmente fastidioso, delle ossa sporgenti. Come però per tutte le altre parti del corpo, anche in questo caso la medicina ha fatto passi da gigante ed esistono dei rimedi, temporanei o definitivi, per risolvere questa problematica. Andiamo a vedere più nel dettaglio la cura, iniziando però a parlare del problema vero e proprio.

Parlaree di ossa sporgenti nel piede e della loro cura potrebbe non essere un argomento familiare a molti. Ma se chiamiamo questa problematica col nome della sua manifestazione più diffusa, ovvero alluce valgo, allora la conoscenza e i dolori saranno frequenti, almeno nella memoria.

Alluce valgo: cos’è

Nei fatti il piede e una struttura molto complessa e le varie problematiche che lo affliggono possono riguardare diverse zone. Qui si parla della parte anteriore del piede, in particolare quella relativa all’attacco con le dita. L’alluce valgo è una deformità dell’alluce del piede. Possiamo parlare di alluce valgo quando si ha la deviazione all’interno del primo osso del metatarso e all’esterno del primo dito. Così si crea un’angolazione patologica dell’alluce; le conseguenze sono arrossamento ed infiammazione a livello della testa del 1°metatarso.

Il problema è così frequente da avere anche i suoi nomignoli: i pazienti indicano questa patologia del piede con il termine di “nocetta”, “patata”, “cipolla”, in quanto la preminenza della testa del primo metatarso è l’espressione visiva più significativa di questa patologia.

In presenza di alluce valgo il primo metatarso e l’alluce non sono più allineati correttamente, così come dovrebbe essere in chi ha un piede sano, ma formano tra loro il cosiddetto angolo di valgismo da cui prende nome la deformità.

Alluce valgo: la cura finora

La problematica dell’alluce valgo porta diverse sofferenze, dall’infiammazione della testa del metatarso a veri e propri problemi posturali che possono coinvolgere, oltre al piede, anche la caviglia e il ginocchio. Come si è curata finora questa patologia? In diversi modi.

TRATTAMENTO CONSERVATIVO

Quando l’alluce valgo si presenta in una modalità lieve e non è accompagnato da forti dolori, si può intraprendere il trattamento conservativo. Questo permetterà di rallentare e limitare la gravità delle deformazioni dell’alluce; fermare il processo migliorerà da subito la qualità di vita del paziente.

Questi trattamenti sono dei diversi tipi: partiamo dall’utilizzo di scarpe comode. In maniera tale, il contatto tra il piede e la scarpa non sarà invasivo, limitando il conseguente dolore e infiammazione che interessa l’esostosi laterale.
Passiamo ai plantari correttivi che mettano in scarico la testa metatarsale dolente; poi ancora abbiamo cappucci in silicone per tenere separate le dita, ammortizzando lo sfregamento dell’alluce contro le altre dita e contro la calzatura.
Questi piccoli accorgimenti sono utili, soprattutto in una fase iniziale, rallentando l’evoluzione peggiorativa dell’alluce valgo. Ma l’aggravamento della deformità porta al trattamento chirurgico.

TRATTAMENTO CON TECNICA CHIRURGICA PERCUTANEA MININVASIVA

La tecnica cosiddetta percutanea, cioè attraverso la pelle, avviene attraverso un’operazione chirurgica che ha lo scopo di rimettere in asse l’articolazione metatarso falangea deviata, dall’alluce valgo.

Poichè non è previsto l’uso del laccio ischemico, l’anestesia può essere effettuata localmente, in questo caso alla caviglia.

Con microlama si esegue un’incisione puntiforme mediale per inserire i diversi strumenti chirurgici. Una piccola spatola crea una camera di lavoro sottocapsulare nella zona della prominenza ossea della testa del primo metatarso.

Si introduce una fresa a motore con azione abrasiva che, con un movimento a tergicristallo, leviga in maniera uniforme l’esostosi, ovvero la sporgenza ossea che noi appunto conosciamo come caratteristica dell’alluce valgo. L’azione abrasiva della fresa determina la formazione di una specie di pappa ossea che, per spremitura, viene espulsa dalla camera di lavoro che è stata precedentemente creata e una piccola raspa ci aiuta nella rimozione dei residui ossei.

Una fresa con funzione di taglio viene introdotta per eseguire un’osteotomia di sottrazione mediale, distalmente al 1° metatarso. Quest’operazione permette di riorientare la superficie articolare distale del 1° metatarso. Così aumenta la congruenza articolare metatarso falangea e si rimette a posto la funzionalità articolare.

Con una seconda minincisione si effettuano l’artrolisi laterale e la tenotomia dell’adduttore. In questo modo la microlama permette di liberare l’articolazione metatarso falangea dell’alluce sul suo versante esterno. Infine, una terza minincisione alla base dell’alluce consente di effettuare, con fresa di taglio, l’osteotomia di sottrazione varizzante della 1° falange in maniera tale da correggere ulteriormente l’orientamento dell’alluce.

L’intervento chirurgico di routine dura in genere meno di mezz’ora ed è completato dalla realizzazione di un bendaggio correttivo che sosterrà la degenza post-operazione per circa 3 settimane.

Il bendaggio assolve un ruolo fondamentale, perchè non viene utilizzato alcun mezzo di osteosintesi.

Una cura innovativa e dai mille vantaggi: il fissatore d’alluce Foot Mate

FOOTMATE

La chirurgia era la cura definitiva prima che arrivasse il fissatore d’alluce Foot Mate. I suoi benefici sono notevoli: posiziona l’alluce nella conformazione anatomica corretta; elimina la deformazione; elimina il dolore che si sente nel portare, nei diversi tipi di cammino, le scarpe strette. Inoltre corregge l’alluce valgo e previene l’infiammazione delle articolazioni metatarsofalangee
Il fissatore Foot Mate è ideale per ogni tipo di scarpa, non è sensibile sul piede, è invisibile anche con le scarpe estive.

QUANDO È IL MOMENTO DI USARE FOOT MATE

Profilassi dell’alluce valgo

In caso di platipodia, più comunemente chiamata “piede piatto”, e in caso di abitudine a calzare scarpe strette o con tacchi alti, se qualcuno della famiglia ha il HalluxValgus, bisogna usare il Foot Mate. Questo ostacolerà lo sviluppo della malattia, che in questo caso può essere di origine genetica, e i piedi rimarranno belli e sani negli anni.

L’alluce valgo iniziale

Portando il fissatore Foot Mate, nei primi 3-6 mesi, correggerà la deformazione delle ossa sporgenti facendole sparire! L’effetto è stato confermato da indagini cliniche.

La deformazione manifestata dell’alluce valgo

Anche nei casi in cui le dita si incrociano o dell’aderenza stretta delle dita, il fissatore ricostruisce la posizione corretta del alluce. Foot Mate prevede il progresso della malattia e riesce a combattere tutti i tipi di complicazioni. Stiamo parlando ovviamente dell’infiammazione dell’articolazione, l’apparizione dei calli provvisori e dei calli. I carichi durante la marcia vengono correttamente distribuiti sul piede, così spariscono i dolori non solo alle dita, ma anche ai piedi, che in questo modo diventano meno stanchi.

COME FUNZIONA IL FISSATORE D’ALLUCE FOOT MATE

Foot Mate è fatto di silicone medico: un materiale flessibile, elastico, sicuro e resistente.
Il fissatore Foot Mate si accorda all’anatomia del piede prendendo accuratamente la forma dell’alluce così da non creare disagi e dolori, fissando in questo modo, in maniera accurata e sicura, l’alluce in una posizione anatomica corretta.
L’osso sporgente viene quindi rimesso a posto e non più compresso dalle scarpe. Sparisce il dolore alla marcia, la forma delle scarpe rimane la stessa utilizzandole più a lungo.

COME USARE IL FISSATORE FOOT MATE

Basta mettere il fissatore sull’alluce, premerlo sulla cute e indossare normalmente le scarpe. Il fissatore può essere portato giorno e notte. È invisibile con qualsiasi tipo di calzatura.

Più tempo si passa con il fissatore sul piede, più velocemente procede la correzione della deformazione dell’alluce e la definitiva guarigione.

Un unico fissatore basta per almeno un anno. Per la maggioranza della gente che soffre dell’alluce valgo basta meno di un anno per risolvere in modo assoluto il problema delle ossa sporgenti sui piedi!

FOOT MATE COME CURA PER L’ALLUCE VALGO: I RISULTATI

I risultati dimostrano che i pazienti che hanno utilizzato il fissatore Foot Mate allo stato iniziale della malattia hanno riscontrato l’effetto positivo confermato dalle indagini cliniche e radiologiche in tutti i 100% dei casi
Nei casi del II e III stadio della malattia la riduzione della deformazione del piede è stata osservata dal 68% dei pazienti, la riduzione moderata dal 25%. Al 98% delle persone sottoposte all’indagine è stata osservata la scomparsa dei dolori e al disagio nella marcia.
Portando il fissatore Foot Mate nessun paziente ha sviluppato le classiche complicazioni infiammatorie dell’alluce valgo

FOOTMATE: IL CONFRONTO CON LE ALTRE CURE

Le stecche ortopediche e le solette ortopediche

La dimensione delle stecche non permette di usare le solette con le scarpe, perciò tali apparecchi di solito si portano di notte. E questo significa che il dito deformato sente la pressione quando si indossa la scarpa e ha una posizione scorretta durante il periodo dell’attività massima della persona. Inoltre questa cura funziona soltanto nei casi di stadi iniziali della malattia.

Intervento chirurgico

Fino adesso era l’unico metodo efficace nel curare la deformazione dell’alluce valgo. L’intervento corregge la deformazione ossea ma non previene la sua formazione ripetuta nel futuro. Il metodo di cura è abbastanza traumatizzante, doloroso, con un lungo periodo di riabilitazione che lascia fastidiose cicatrici.

Fissatore d’alluce Foot Mate.

Footmate posiziona il dito nella forma corretta anatomica, per tutto il tempo in cui è tenuto; ciò garantisce un effetto curativo. In questo modo si ferma lo sviluppo della malattia, poichè, durante il periodo di attività, il peso del corpo viene correttamente distribuito sul piede, così le scarpe strette non provocano più lo spostamento successivo dell’alluce verso l’esterno.

Cura per l’alluce valgo: il prezzo di Footmate

Il p5rezzo di Footmate in questo periodo è scontato: si va dai 35 euro per due fissatori (ovvero una confezione di Footmate) fino ai 69 euro per 4 confezioni, cioè 8 fissatori.

1 Commento su Cura per ossa sporgenti dei piedi: quale scegliere

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Modestino Picariello 706 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+