Perché il Re Sole si chiamava così? Le due versioni

Ritratto di Luigi XIV
Il re di Francia Luigi XIV è passato alla storia come il “re Sole“, ma vi siete mai chiesti il perché?

Perché nello stemma dell’illustre sovrano campeggiava un sole sfolgorante accompagnato dal motto latino “Nec pluribus impar“, a significare che egli splendeva come il sole e non poteva essere paragonato a nessun altro; inoltre, il re era simbolicamente per la Francia ciò che il Sole è per il sistema solare, ovvero ne era il fulcro.

Leggi anche: In viaggio verso Auschwitz , al cinema dal 21 Ottobre


Ma esiste anche un’altra versione, secondo la quale un giorno Luigi XIV si sarebbe presentato trionfalmente a corte travestito da sole splendente, tanto che qualcuno, nel vederlo, esclamò “Le Roi Soleil!”.

Leggi anche: I 15 principali problemi dei ragazzi degli anni ’80


E il soprannome rimase nei secoli a designare la figura di quel sovrano.

Leggi anche

1-renzo-mongiardino_casa-setton_parigi_ph-massimo-listri-651x514
Cultura

A Milano, “Omaggio a Renzo Mongiardino ( 1916-1998). Architetto e scenografo”

Fino al prossimo 11 Dicembre 2016 a Milano presso il Castello Sforzesco si svolge la mostra dal titolo: "Omaggio a Renzo Mongiardino ( 1916-1998). Architetto e scenografo". La mostra è organizzata grazie al prezioso contributo del Comune di Milano (Direzione Centrale Cultura – Soprintendenza Castello / Musei Archeologici e Musei Storici) ed è curata Tommaso Tovaglieri, con la consulenza di Francesca Simone, nipote dell’architetto. Si tratta di una mostra dedicata all' architetto d’interni tra i più celebri del secondo Novecento.  In mostra possiamo sicuramente ammirare disegni, bozzetti, maquettes e fotografie. La mostra è suddivisa in sette sezioni, dove è possibile approfondire  l’intera carriera Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Perché il Re Sole si chiamava così? Le due versioni - Segreto Di Stato

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*