Stonehenge – parte anche della leggenda di Re Artù

Guide

Stonehenge – parte anche della leggenda di Re Artù

Uther Pendragon, Merlino e Stonehenge

Stonehenge, il monumento preistorico che si trova nella contea inglese del Wiltshire, approssimatamente 2 miglia a ovest di Amesbury e 8 miglia a nord di Salisbury, è uno dei luoghi più famosi del mondo. E’ sinonimo di Gran Bretagna e la sua storia e le sue foto sono tra le più conosciute del mondo.

E’ stato anche fonte di mistero nei secoli per quanto riguarda cosa è esattamente, perchè è stato costruito e da chi. Questo mistero è continuato fino ai tempi moderni. Ancora oggi, non abbiamo una risposta certa al mistero di Stonehenge.

Ma sapete che Stonehenge è stata anche parte della storia e della leggende di Re Artù? Appare nella storia scritta da Geoffrey di Monmouth, l’Historia Regum Britannie.

Monmouth incluse nel suo manoscritto del dodicesimo secolo la storia che Merlino aveva costruito Stonehenge e questa storia divenne molto popolare e si diffuse ampiamente nell’Europa del Medioevo.

Divenne un mito molto popolare dell’eredità dell’Inghilterra.

La storia fu anche ripresa e pubblicata in altri manoscritti di quel periodo. Il Roman de Brut franco-normanno di Wace, il Brut in medio inglese di Layamon, e il gallese Brut y Brenhinedd includono anche questa versione della storia di Stonehenge e il suo collegamento con Re Artù.

Man mano che leggiamo la storia vediamo che Merlino diresse la rimozione di Stonehenge dal suo sito “originario” in Irlanda dove era stata costruita sul monte Killarous dai Giganti, che avevano portato le pietre dall’Africa. Secondo Monmouth, il Re Aurelius Abrosias, nel quinto secolo, volle ereggere un memoriale a 3.000 nobili che erano morti in battaglia combattendo contro i sassoni (sepolti a Salisbury) e scelse Stonehenge seguendo il consiglio di Merlino.

Re Aurelius mandò Merlino, Uther Pendragon (il padre di Artù) e 15.ooo cavalieri in Irlanda per recuperare le pietre.

Morirono 7.000 cavalieri cercando di prendere le pietre, ma non riuscirono a smuoverle. Così Merlino usò la sua magia per smantellare le pietre e le mandò in Inghilterra dove Stonehenge fu dedicata ai nobili.

Poco tempo dopo, Re Aurelius morì e secondo Monmouth fu seppellito a Stonehenge.

Cosa spinse Monmouth ad includere questa storia nel suo manoscritto? Voleva collegare la storia della Britannia con Re Artù per continuare ad affermare che Artù era un vero re d’Inghilterra e una storia vera. Oggi, è considerata una leggenda come i ritrovamenti archeologici di Stonehenge hanno testimoniato.

Stonehenge oggi

Stonehenge è un insieme di grandi pietre disposte circolarmente nel terreno. E’ il complesso neolitico e dell’età del bronzo più fitto.

Gli archeologi credono che il monumento di pietra fu costruito approssimativamente dal 3.000 al 2.000 Avanti Cristo. Nel 2008, i test al carbone radio hanno mostrato che le prime pietre furono erette nel 2.400-2.200 A.C. E credono che l’argine e il fosso di terra circolari che lo circondano risalgano a circa il 3100 A.C.

John Aubrey fu il primo ad esaminare il sito scientificamente nel 1666. Ecco perchè i fossi all’interno del cerchio portano il suo nome. Nel 1986, Stonehenge venne dichiarata pertimonio mondiale dell’umanità.

Sempre nel 2008, l’evidenza archeologica trovata dal Stonehenge Riverside Project, affermò che Stonehenge poteva servire come luogo di sepoltura fin dall’inizio. I ritrovamenti furono ossa di umani cremati risalenti al 3.000 A.C. Questa funzione durò a Stonehenge per almeno altri 5.00 anni.

“Stonehenge era luogo di sepoltura dai suoi inizi al suo zenith nella metà del terzo millennio A.C.” Mike Parker Pearson (Stonehenge Riverside Project)

L’entrata nord orientale di Stonehenge venne costruita per segnare la direzione del sorgere del sole il 21 Giugno e del tramonto il 21 Dicembre. La sua costruzione è un segno dell’intelligenza degli uomini di quell’era.

In effetti, la pietra del tallone, la pietra singola che si innalza verso Stonehenge, fu eretta presso l’entrata nord orientale e il sole sorge esattamente su di essa durante il solstizio d’estate, il 21 Giugno, ogni anno.

E’ interessante che Monmouth considerò Stonehenge come luogo di sepoltura e fece seppellire Re Aurelius lì. Sapeva qualcosa che noi non sappiamo? E’ solo una coincidenza che dopo tutti questi anni crediamo che fosse un luogo di sepoltura come credeva lo stesso Monmouth, o Stonehenge era conosciuta nei tempi antichi con questa funzione?

Stonehenge è una costruzione sorprendente dell’età neolitica e del bronzo che mette in risalto l’intelligenza delle persone che vivevano allora. Il mistero è stato risolto? Non completamente, ma oggi abbiamo la risposta più completa che abbiamo avuto in migliaia di anni. Forse in futuro, con nuove e più complete prove, sapremo in modo definitivo cosa era Stonehenge e se è stato o no il luogo di riposo finale per molti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*