×

Al PART di Rimini 12 giovani artisti per la scena italiana

Rimini, 16 mag. (askanews) – Dodici artisti italiani under 40 in mostra al PART di Rimini: sono i finalisti della prima edizione del Premio Artisti Italiani, che il museo romagnolo ha organizzato con il Comune e la Fondazione San Patrignano, che acquisirà le tre opere che risulteranno vincitrici. A selezionare i finalisti tre curatori come Lucrezia Calabrò Visconti, Francesco Garutti ed Edoardo Bonaspetti, che ci ha guidato attraverso l’esposizione. “Abbiamo stilato una lista di 12 artisti – ha detto ad askanews – che a nostro avviso rappresentano nel miglior modo quelle che sono le energie, i dibattiti e le questioni ora urgenti nel panorama nazionale, ma anche internazionale”.

Le opere sono affascinanti, a volte appaiono molto semplici, a volte dialogano in modo potente con lo spazio e l’allestimento. Ma tutte, pur nella loro diversità, hanno all’interno una tensione creativa forte, percepibile. “Credo che sia impossibile parlare di una ricerca di cifre stilistiche condivise – ha aggiunto Bonaspetti – e questo è un bene, è una testimonianza della ricchezza, dell’energia che il panorama artistico italiano offre”.

Tra i finalisti c’è anche Davide Stucchi, brianzolo classe 1988, al quale abbiamo chiesto quale sia, se c’è, una possibile definizione di arte oggi.

“Ogni artista ha la sua – ci ha risposto – e per me si tratta in qualche modo di sublimare la realtà che viviamo, sia nel renderla sublime in modo personale, ma che non deve per forza significare qualcosa di fantastico, anzi può essere anche orrendo o difficile. Ma allo stesso tempo sublimarlo nel senso di cercare di portarlo in un discorso possibile con il pubblico”.

La mostra sul Premio Artisti Italiani PART convive, nel museo, con la collezione permanente di San Patrignano, in un dialogo tra le generazioni e le pratiche che, nella loro varietà contribuiscono a sottolineare ulteriormente l’inafferrabilità affascinante del contemporaneo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora