> > Consultazioni al Quirinale, verso il nuovo governo: il calendario

Consultazioni al Quirinale, verso il nuovo governo: il calendario

ffggfr xkaekqso

Oggi, 20 ottobre, prendono il via le consultazioni al Quirinale del presidente Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo.

Nella giornata di oggi, 20 ottobre, iniziano le consultazioni al Quirinale del presidente Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo.

Le consultazioni andranno avanti anche durante la giornata di venerdì 21 ottobre.

Consultazioni al Quirinale, verso il nuovo governo

Nella giornata di oggi, 20 ottobre, e in quella di domani, 21 ottobre, si terranno le consultazioni al Quirinale del presidente Sergio Mattarella, per la formazione del nuovo governo. Non sono previste dalla Costituzione. Con questa prassi il Presidente della Repubblica “nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i ministri“.

Le consultazioni sono state “inventate” dal presidente Enrico De Nicola, nel 1947. Davanti al Presidente sono pronti a sfilare gli ex inquilini del Quirinale, in questo caso Giorgio Napolitano verrà ascoltato telefonicamente, poi i presidenti, Ignazio La Russa e Lorenzo Fontana, i capigruppo affiancati dai leader di partito. Le delegazioni dei partiti che compongono una coalizione possono salire al Quirinale in un’unica formazione. Le delegazioni più piccole vengono consultate nello studio del Presidente, quelle più numerose nella sala degli Arazzi di Lille.

Dopo il colloquio si passa alla Sala del Bronzino per definire la linea da riferire alla stampa, prima di rilasciare dichiarazioni.

Consultazioni al Quirinale: quanto durano e come si arriva all’incarico

La durata delle consultazioni dipende dal numero delle delegazioni e dalla situazione politica. Solitamente possono durare da uno a tre giorni. Se il Presidente non trova una soluzione può convocare un secondo giro di consultazioni. Queste consultazioni dovrebbero concludersi nella giornata di domani, venerdì 21 ottobre, con il centrodestra in un’unica delegazione di fronte a Mattarella.

Le consultazioni terminano con l’incarico di una personalità in grado di coagulare una maggioranza parlamentare che possa votare la fiducia al nuovo esecutivo.

Consultazioni al Quirinale: il calendario

Il calendario delle consultazioni per la formazione del governo è stato annunciato dall’ufficio stampa della Presidenza della Repubblica:

  • Giovedì 20 Ottobre:
    Ore 10: Sen. Ignazio La Russa, Presidente del Senato della Repubblica;
    Ore 11: On. Lorenzo Fontana, Presidente della Camera dei deputati;
    Ore 12: Gruppo Parlamentare “Per le autonomie (SVP-Patt, Campobase e Sud Chiama Nord)” del Senato della Repubblica;
    Ore 12.30: Gruppo Misto del Senato della Repubblica;
    Ore 16: Gruppo Misto della Camera dei deputati;
    Ore 16.30: Rappresentanti della componente “Alleanza Verdi e Sinistra” del Gruppo Misto della Camera dei deputati;
    Ore 17.00: Gruppi Parlamentari “Azione-Italia Viva-R.E” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;
    Ore 18.00: Gruppi Parlamentari “Movimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;
    Ore 19.00: Gruppi Parlamentari “Partito Democratico-Italia Democratica e Progressista” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati.

  • Venerdì 21 ottobre:
    Ore 10.30: Gruppi Parlamentari “Fratelli d’Italia” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, Gruppo Parlamentare ““Lega Salvini Premier – Partito Sardo d’Azione” del Senato della Repubblica e Gruppo Parlamentare “Lega – Salvini Premier” della Camera dei Deputati, Gruppo Parlamentare “Forza Italia Berlusconi Presidente” del Senato della Repubblica e Gruppo Parlamentare “Forza Italia Berlusconi Presidente – P.P.E” della Camera dei deputati, Gruppo Parlamentare “Civici d’Italia – Noi Moderati (UDC – Coraggio Italia – Noi con l’Italia – Italia al Centro) – MAIE” del Senato della Repubblica e Componente “Noi Moderati (Noi con l’Italia, Coraggio Italia, UDC, Italia al Centro) – MAIE” del Gruppo Misto della Camera dei deputati.