×

Covid: presidente Assoturismo, 'grave vacanze Pasqua estero e no in Italia'

default featured image 3 1200x900 768x576

Milano, 29 mar. (Adnkronos) – "Le ultime decisioni di bloccare tutto non ci aiutano, soprattutto considerando che per Pasqua si può andare all’estero per le vacanze ma non ci si può spostare tra Regioni in Italia. Non è certo un messaggio positivo che diamo all’estero perché chi decide di venire in ferie in Italia così ha l'immagine di un Paese che è ancora alle prese con la pandemia e che è ben lontana dall’uscirne, specie se messa in confronto con altre nazioni, come la Germania".

A dirlo all'Adnkronos è Vittorio Messina, presidente di Assoturismo.

"Questo per noi è grave – sottolinea -. Se vanno avanti con i vaccini speriamo che per settembre arrivino le prenotazioni da Paesi come gli Usa, però se poi i turisti arrivano e trovano siti archeologici, musei e teatri chiusi, cosa vengono a fare in Italia? Non sceglieranno certo noi". Solo per le vacanze di Pasqua, il settore del turismo vale 11 milioni di persone fisiche e 1 miliardo e mezzo di fatturato per le attività ricettive ufficiali.

"Il momento – osserva Messina – è delicatissimo, stiamo entrando nel 13esimo mese di pandemia e di crisi assoluta, parliamo di un fermo totale e per noi diventa davvero inaccettabile". Ad andare in fumo sono anche i due ponti del 25 aprile e dell'1 maggio che quest'anno cadono rispettivamente di domenica e di sabato. Secondo una stima di Assoviaggi, in una stagione turistica pre Covid, valgono 5 miliardi di euro in termini di fatturato.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora