Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Invasione di cavallette, tra i Paesi coinvolti anche l’Italia
Cronaca

Invasione di cavallette, tra i Paesi coinvolti anche l’Italia

cavallette italia

Le cavallette escono allo scoperto con le calde temperature. L'estate del 2019 si apre con una grande invasione che interessa anche l'Italia

Italia, Messico, India, Pakistan, Arabia Saudita, Yemen e Oman: una vera pacchia per le cavallette che hanno deciso di invadere questo 2019 approfittando del caldo clima estivo. Nel nostro Paese la regione più colpita è la Sardegna: un’invasione del genere non si vedeva dal dopoguerra e sta a poco a poco devastando e divorando le colture e pare che il fenomeno continuerà a propagarsi nel tempo (e nei campi) almeno fino a fine agosto. Tutti sono preoccupati per la vicenda, in particolar modo i contadini.

La peggiore in 60 anni

Le zone più colpite sono Moor, Ottana e Orani proprio nel bel mezzo dell’isola mediterranea: a Coldiretti, l’entomologo della zona Ignazio Floris ha fornito una panoramica della situazione e ha purtroppo ammesso che questa sia l’invasione peggiore che si sia mai verificata in 60 anni. Gli esperti riferiscono che la causa che porta le cavallette ad uscire allo scoperto e a diffondersi è da ricercarsi nelle alte temperature. Non c’è da stupirsi se, dopo un maggio particolarmente freddo e piovoso, adesso gli insetti stiano vivendo il loro momento di gloria.

Emergono dalla terra incolta, là dove le madri cavallette hanno deposto le loro uova in autunno.

Poi però attaccano e si cibano dei terreni coltivati. Questo il piano d’azione di questi insetti che stanno approfittando delle giornate afose per distruggere raccolti costati tempo prezioso e fatica. Il nostro Paese è paradossalmente vicino a quelli più lontani come India e Messico, tutti accomunati dallo stesso disagio naturale a cui pare non esista soluzione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche