×

Diabete, un nuovo sistema per monitoraggio continuo del glucosio

Milano, 6 lug. (askanews) – Un sensore più piccolo di una moneta da 5 centesimi da applicare alla parte posteriore del braccio per aver un monitoraggio minuto per minuto sui livelli di glucosio nel sangue. Arriva anche in Italia FreeStyle Libre 3, il sistema sviluppato da Abbot, azienda leader mondiale del settore healt-tech, per tenere sotto controllo il glucosio grazie a letture in continuo consultabili in tempo reale sul proprio smart-phone.

Una tecnologia di ultima generazione destinato agli oltre 3 milioni e mezzo di italiani con diabete.

“Funziona come un sistema di monitoraggio continuo del glucosio, molto semplice, molto piccolo e molto discreto, facile da inserire perchè è come un timbro, è molto semplice, lo fanno a casa i pazienti e i genitori dei bambini”, spiega Riccardo Schiaffini, diabetologo dell’Ospedale Bambin Gesù di Roma, che precisa: “Funziona misurando ogni minuto il glucosio interstiziale sottocutaneo che è come misurare la glicemia con un sistema che è estremamente accurato e quindi si allinea perfettamente alle glicemie capillari”.

Evidenti i vantaggi rispetti ai sistemi convenzionali, come emerge da un recente studio condotto in 16 diversi centri diabetologici italiani: “Il risultato dello studio nel suo complesso – puntualizza Emanuele Bosi, diabetologo dell’Ospedale San Raffaele di Milano – ha dimostrato che le persone che utilizzavano la nuova tecnologia avevano un controllo glicemico migliore, misurato in termini di emoglobina glicata. Questo traducendolo in termini pratici significa che utilizzare il controllo glicemico attraverso uno strumento tecnologico che ne consente la lettura in continuo si traduce in un vantaggio clinico, in una migliore prognosi della malattia e anche in una migliore qualità di vita delle persone con il diabete”.

Sì, perchè FreeStyle Libre 3 non è soltanto un’arma in più per i medici. È soprattutto una tecnologia che rende migliore la qualità della vita per i pazienti: “Questi pazienti che utilizzano dei dispositivi semplici e molto accurati – dice ancora Schiaffini – possono decisamente migliorare la loro qualità di vita perchè il sistema non dà soltanto informazioni sulla glicemia puntuale ma dà informazioni dinamiche su come si sta muovendo la glicemia verso l’alto e verso il basso comprensivi di allarmi di soglia per l’iperglicemia e l’ipoglicemia”. “E quindi avere un misuratore che informa costantemente l’andamento della glicemia migliora la prognosi e rassicura la persona”, conclude Bosi.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora