×

Chi è Giuseppe Conte, eventuale premier

Condividi su Facebook

Giuseppe Conte dovrebbe essere uno dei candidati alla premiership di questo governo, ma deve passare il vaglia Lega e quello di Mattarella.

La scena politica italiana si ritrova ancora di fronte una scelta complessa e carica di responsabilità. La scelta del premier infatti è tenuta lontana dai riflettori da parte dei due leader. Sarà così ancora per poco visto che oggi saranno da Sergio Mattarella a discuterne. Ma qualche indiscrezione anticipa un eventuale nome: Giuseppe Conte.

Chi è Giuseppe Conte

Ha 54 anni ed è stato indicato dal M5s come il più adatto a rivestire il ruolo di premier. Si è laureato in giurisprudenza nel 1988 presso la Sapienza di Roma, ma perfezionò i suoi studi all’estero. Nel 2010 e nel 2011 ha fatto parte del consiglio di amministrazione dell’ASi (Agenzia spaziale italiana).

Nel 2012 gli fu attribuita la nomina di Arbitro Bancario Finanziario dalla banca italiana. Poi nel Consiglio di Presidenza della giustizia amministrativa nel 2013, designato a farne parte dal Parlamento.

Ma non solo, perché è anche il direttore di non poche collane di riviste scientifiche italiane ed estere. E’ anche componente del comitato scientifico della Fondazione italiana del Notariato e non solo, tutto nel campo del diritto privato e commerciale.

Ha scritto vari articoli scientifici sul diritto di famiglia, sul diritto contrattuale, sulla responsabilità civile e sul diritto di impresa. Poi ha anche dato vari contributi monografici ed è stato l’autore di varie pubblicazioni.

Oggi Giuseppe Conte

Giuseppe Conte oggi è avvocato cassazionista e professore ordinario di diritto privato all’Università di Firenze. Nel campo del diritto civile e commerciale è specialista in materia di arbitrati.

Fu presentato per il ministero della Pubblica amministrazione, de-burocratizzazione e meritocrazia, da Luigi Di Maio nel caso in cui avesse vinto le elezioni.

Conte racconta che in quel caso si tirò indietro per correttezza intellettuale ammettendo di non essere un simpatizzante del movimento e di non aver votato per loro. Fu parte del discorso che fece a fine febbraio quando fu presentato come ministro della Pubblica amministrazione. Nello stesso discorso parlò del fatto che si deve superare l’ignoranza coatta che avvantaggia i disonesti, che si deve puntare alla meritocrazia.

Luigi Di Maio su Giuseppe Conte

Di Maio parla di lui in modo deciso e lo definisce “un volto serio, anche se defilato”. Poi dice che “al di là delle debolezze dà garanzie di serietà”. Adatto per il Movimento perchè si rifà alla legalità, infatti coordinò l’istruttoria che fece destituire da consigliere di stato Francesco Bellomo. Che fu colui che finì sotto accusa per il corso per aspiranti magistrati dove le donne erano costrette a indossare minigonne.

Nulla arriva su di lui da parte della Lega Nord, infatti ne Salvini, ne i suoi hanno mai mostrato entusiasmo.

Si deve aspettare che il Presidente della Repubblica, Mattarella, prenda la sua decisione per saperne di più.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche