×

Itinerari tra le colline marchigiane: Pian della Gardosa

Condividi su Facebook

La gran parte dei turisti che arrivano nella regione delle Marche vengono indirizzati verso gli itinerari collinari e montani.

Le colline, infatti, sono tante e tutte verdeggianti ed apprezzate, così come lo sono anche i – pochi per la verità – monti che caratterizzano questi territori, primo fra tutti il monte Conero. Quest’ultimo, attraverso la riserva naturale situata al suo interno, permette, una volta raggiunta la vetta, di godere di una splendida visione del mare Adriatico, e di una parte dei 140 chilometri che caratterizzano la costa marchigiana.

Le varie località che simboleggiano questa regione sono tutte all’interno del catalogo di Marche Country Homes, un’azienda che opera in qualità di intermediario nella vendita di rustici, appartamenti, aziende agricole, terreni, casolari nelle Marche, ai quali i clienti possono punture con la garanzia di un partner serio e affiadabile.

Tante sono, poi, le zone riservate ai percorsi naturali, alle passeggiate immersi nel verde. Esempio calzante è il pian della Gardosa, uno dei punti più belli della zona di montemonaco, ed inizia dal piccolo paese di Foce per raggiungere i piedi del Monte Vettore, dal quale inizia il sentiero per raggiungere il Lago di Pilato. La piana può essere percorsa sia a piedi che in macchina, a seconda dei propri scopi; se si tratta solo di una passeggiata piacevole e non c’è intenzione di arrivare al lago (dal piano al Lago di Pilato sono circa 2 ore e mezza) possiamo farla tranquillamente a piedi, osservando le meraviglie naturali che ci troviamo davanti.

Seguendo infatti l’ampia strada, alla nostra destra avremo subito la fiancata del monte Sibilla e degli altri monti a lui vicini; quindi vedremo pareti di roccia, boschi che scendono a picco fino alla vallata, radure molto spesso irraggiungibili a causa della pendenza. Sulla nostra sinistra, invece, si trova una grande valle, prima del versante settentrionale del monte Vettore, e in questi ampi prati avremo la possibilità, volendo, di sedersi sui prati e fare un pic-nic per riposarsi durante la nostra passeggiata, oppure di raccogliere fiori tipici della vegetazione alpina, o ancora semplicemente osservare il sole scomparire tra i due monti all’interno della valle: una giornata, od una metà giornata, in questo luogo, e non ve ne dimenticherete più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.