×

Morta dopo AstraZeneca, perché l’indennizzo alla famiglia è di soli 70mila euro?

Come mai la famiglia della donna morta dopo AstraZeneca ha ottenuto 70mila euro? La differenza tra indennizzo e risarcimento è la chiave per capirlo.

Vaccino AstraZeneca

La notizia di un indennizzo di “soli” 70mila euro a seguito del presunto decesso correlato al vaccino AstraZeneca sta diventando oggetto di polemiche. La notizia è stata riportata da molte testate gionalistiche nazionali e molti lettori si sono chiesti come mai la famiglia della vittima abbia ricevuto “così poco” dallo Stato.

Perchè l’indennizzo della donna morta dopo il vaccino AstraZeneca ammonta solo a 70mila euro? 

La vittima protagonista di questa tragedia è Francesca Tuscano, giovane insegante morta per una trombosi cerebrale presumibilmente causata dal vaccino AstraZeneca. Il suo decesso è avvenuto lo scorso aprile 2021. La famiglia ha ricevuto un indennizzo di 70mila euro dallo Stato. Quello che per molti potrebbe sembrare poco, per legge è la somma giusta. Ma come mai si grida: “La vita di una persona vale così poco“?

La vita delle vittime presumibilmente correlate al vaccino vale davvero poco? 

Non è vero che la vita di Francesca Tuscano e di altre vittime correlate al vaccino valgono poco, è solo che un “rimborso” attraverso l’indennizzo è più facile da ottenere rispetto ad un vero e proprio risarcimento. Butac ha spiegato in poche parole la differenza tra i due procedimenti e perchè con un indennizzo si riceve relativamente poco dallo Stato rispetto ad un risarcimento.

La differenza tra indennizzo e risarcimento

Prima di tutto va chiarito che sono due modi diversi di ricevere giustizia.

Per ottenere un risarcimento, che ammonta anche a milioni di euro, è necessario andare in un contradditorio, fare causa allo Stato. Nella maggior parte dei casi, è difficile dimostrare che sia stato realmente un effetto avverso del vaccino a causare una condizione fisica permanente o un decesso. Dunque, chi fa causa allo Stato potrebbe con molta probabilità perdere e non ottenere nulla. Con l’indennizzo, invece, sempre come riporta Butac: “Si va di fronte ad un giudice del lavoro che applica una legge che dice: “Si può escludere in maniera del tutto certa, al mille per mille che la causa non sia stata il vaccino?“.

La sentenza, dunque, viene fatta in base ad un’analisi dei periti i quali stabiliscono che “non può essere dimostrato al 100% che non sia stato il vaccino” e quindi la persona lesa può ricevere un indennizzo pari a quanto stabilito poi anche dal giudice.

Contents.media
Ultima ora