×

Pensioni, quanto aumenteranno in autunno

In autunno, stando al decreto Aiuti bis, si registrerà un aumento nelle pensioni: ecco a quanto ammonterà

Aumento pensioni

Il decreto Aiuti bis ha deciso di anticipare alla seconda metà del 2022 la rivalutazione delle pensioni prevista per gennaio 2023.

Aumento delle pensioni a causa dell’inflazione

L’articolo 21 del decreto legislativo prevede due strade per attuarla: da un lato, una rivalutazione dello 0,2%, a fronte della ripresa dell’inflazione nel 2021, per tutti i pensionati; dall’altro, un anticipo rispetto al prossimo gennaio sulla base dell’inflazione 2022 di un ulteriore 2%.

Nel secondo caso l’aumento interesserà solo coloro che percepiscono una pensione fino a 2.692 euro (ovvero 35.000 euro l’anno).

Perequazione e aumento delle pensioni

All’inizio dell’anno, infatti, gli importi delle pensioni e delle altre prestazioni (assegno sociale e di invalidità civile) devono essere adeguati all’andamento dell’inflazione registrata nell’anno precedente, all’interno di un’operazione chiamata rivalutazione o anche perequazione.

Per quanto riguarda l’anticipo del 2% sulla rivalutazione nel 2023, l’aumento medio mensile è compreso tra 10 e 50 euro, mentre il conguaglio varia tra 10 e 130 euro, a seconda dell’importo della pensione.

Da precisare è che tale quota in aggiunta non va a incrementare l’imponibile fiscale 2022.

Quando avverrà l’aumento delle pensioni

L’aumento dello 0,2% (che costituisce la differenza tra l’1,7% dell’inflazione stimata e l’1,9% dell’inflazione effettiva nel 2021) verrà anticipato a novembre. L’anticipo del 2% invece inizierà a ottobre. Da gennaio 2023 inizierà una completa rivalutazione per tutti. Le pensioni saranno rivalutate sulla base dei dati sull’inflazione finale per il 2022, che si prevede possa crescere in modo significativo.

LEGGI ANCHE: Governo Draghi, cosa potrà fare ancora fino alle elezioni?

Contents.media
Ultima ora