×

Inps, presidente Tridico si aumenta lo stipendio: l’Istituto chiarisce

Condividi su Facebook

Pasquale Tridico, presidente dell'Inps, vedrà aumentarsi lo stipendio: l'Inps ha specificato che il provvedimento non è retroattivo.

tridico presidente inps stipendio
tridico presidente inps stipendio

Fa discutere l’aumento dello stipendio del presidente Inps Pasquale Tridico, firmato e ratificato dal governo e Cda Inps durante il lockdown. Secondo quanto trapelato inizialmente sembrava che il provvedimento avesse un valore retroattivo dal momento della nomina, ma i revisori dell’Ente hanno presentato un’istanza in cui hanno chiesto maggiori chiarimenti a riguardo.

A quel punto è intervenuto direttamente l’Istituto di Previdenza comunicando che “la Direzione Risorse Umane non ha corrisposto al Presidente Tridico compensi arretrati in seguito all’emanazione del Decreto del 7 agosto 2020“. E che, in ogni caso, gli Uffici dell’Istituto non hanno mai previsto l’erogazione di un compenso arretrato al Presidente per il periodo che va da maggio 2019 al 15 aprile 2020.

Inps, l’ aumento dello stipendio di Tridico

Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, da adesso vedrà un aumento nel suo stipendio pari a 150mila euro. Secondo quanto rivela Repubblica, infatti, durante il lockdown il Cda dell’ente e il Governo avrebbero ratificato un decreto ministeriale che prevde il balzo in avanti del presidente.

Una decisione che ha fatto discutere, ma non l’unico elemento che ha acceso il dibattito. Sempre secondo una indiscrezione di Repubblica, all’inizio era sembrato che il provvedimento fosse retroattivo.

Il mandato di Tridico risale al maggio 2019, ma il decreto ministeriale recitava così:”Gli emolumenti sono riconosciuti con decorrenza dalla data di nomina del presidente, del vice presidente e dei consiglieri di amministrazione”. Questo significa che Tridico avrebbe dovuto percepire una differenza tra lo stipendio maturato durante il mandato e quello attuale di 150mila euro. Come predetto è però arrivata la smentita dell’Inps.

L’istanza

Tuttavia, questa vicenda ha perplesso i revisori dell’Inps, che ora hanno presentato un‘istanza in cui chiedono maggiori chiarimenti e prove.

Come già detto, il decreto ministeriale attribuisce l’aumento dello stipendio a partire dalla nomina, ma secondo i revisori questa cozzerebbe con la legge 75 del 1999 in cui si prevede il pagamento degli amministratori a partire dal loro insediamento e non dalla nomina. Nel caso di Tridico, tra la sua nomina e il suo insediamento ufficiale intercorrerebbero tre mesi (maggio 2019-agosto 2019).

La reazione di Salvini

Sulla questione Tridico è intervenuto anche il leader della Lega Matteo Salvini con un posto su Twitter: ” Non ho parole.

Invece di aumentarsi lo stipendio, prima paghi la Cassa integrazione alle centinaia di migliaia di lavoratori che la aspettano da mesi, poi chieda scusa e si dimetta“.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.