×

Privacy: Italia seconda in Ue per violazioni Gdpr e terza per sanzioni

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 28 gen. (Labitalia) – In occasione della Giornata europea della protezione dei dati personali preoccupa la situazione dell’Italia: secondo un recente report di Dla Piper, il Paese è secondo in Europa per numero di violazioni (83) e terzo per sanzioni (quasi 80 milioni di euro).

Nel 2021 in Europa multe per quasi 1,1 miliardi, un incremento vicino al 600% in un anno, e 356 segnalazioni al giorno di data breach. La Giornata europea della protezione dei dati personali mette in evidenza tutti i punti deboli dell’Italia in materia di Gdpr. Istituita dal Consiglio d’Europa nella giornata di oggi 28 gennaio, il Data Privacy Day si pone l’obiettivo di sensibilizzare persone, aziende e istituzioni al corretto uso e conservazione dei dati sensibili.

Una campagna la cui importanza è sottolineata da dati molto preoccupanti: secondo un recente report di Dla Piper, infatti, dal 25 maggio 2018 (data di entrata in vigore del nuovo regolamento europeo Gdpr), l’Italia è 2a in Europa per numero di violazioni con 83 interventi dell’Autorità Garante (in testa c’è la Spagna con più di 250 sanzioni, segue la Romania con 57) e si pone in 3ᵃ posizione per multe complessive per quasi 80 milioni di euro.

Particolarmente sanzionate sono state le imprese delle telecomunicazioni visto che le tre principali multe (rispettivamente di 27, 16 e 12 milioni di euro) sono state comminate dal Garante a società Tlc per aver trattato in modo illecito i dati personali per attività di telemarketing e pubblicità.

“Purtroppo sono dati che non sorprendono: in Italia siamo ancora molto lontani dal creare una cultura del valore della data compliance –afferma Jacopo Tenconi, Gdpr Specialist di Primeur, multinazionale italiana specializzata nella data integration-.

La corsa alla digitalizzazione a cui stiamo assistendo sta portando una nuova consapevolezza nelle persone sul valore e sull’uso dei dati che sono ormai diventati un asset strategico per le aziende: chi sarà in possesso di un’organizzazione informatica evoluta, con strumenti automatici di data integration, di mappatura e di mascheratura dei dati in grado di tenere costantemente sotto controllo i dati sensibili gestiti, trattati e archiviati da un’organizzazione sarà più competitivo sul mercato. Questo trend di crescente consapevolezza è un processo che è iniziato ed è inarrestabile".

"Molte aziende, per contro, non sembrano avere acquisito altrettanta coscienza sull’importanza di ottemperare alle richieste GDPR come parte integrante del servizio ai clienti finali e alle terze parti: questo gap di consapevolezza sarà alla base di sempre crescente insoddisfazioni dei clienti. Le aziende più scaltre hanno capito che essere in linea con la Gdpr non significa solo evitare multe salate e acquisire un vantaggio competitivo cruciale”, spiega Tenconi.

Tornando allo scenario europeo, in testa alla classifica delle sanzioni si trovano Lussemburgo e Irlanda, nazioni dove hanno sede rinomate multinazionali del commercio online e dei social network: proprio all’interno del piccolo Granducato è stata comminata la multa più alta della storia dell’Unione Europea dal valore di 746 milioni di euro. Complessivamente nel 2021 si è assistito ad un vero e proprio boom di sanzioni visto che nel Vecchio Continente si è sfiorata la quota di 1,1 miliardi di euro di multe: un dato in crescita del 600% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno dove si sono registrate violazioni complessive per 158,5 milioni di euro.

Non è migliore lo scenario sulle segnalazioni di data breach: il numero di violazioni che comportano l’accesso, la modifica, la cancellazione o la divulgazione non autorizzata di dati personali è arrivato oltre quota 130mila in Europa nell’ultimo anno. Si tratta di una media giornaliera di 356 segnalazioni in crescita del 7,5% rispetto ai dati 2020. L’Italia cresce a ritmo doppio rispetto alla media europea: il report individua 1.782 violazioni di data breach negli ultimi 12 mesi, +13,2% rispetto alle 1.574 indicate nel 2020 (in testa c’è la Germania con oltre 40mila notificazioni seguita da Paesi Bassi e Polonia).

L’entrata in vigore del regolamento europeo Gdpr ha modificato radicalmente lo scenario in materia di privacy e gestione dei dati sensibili: le aziende e le istituzioni devono rispettare rigide regole in materia di gestione dei dati personali che possono includere l'obbligo di notificare alle autorità le violazioni da parte di hacker o pirati informatici entro 72 ore dalla scoperta.

Ma come mai in Italia siamo ancora così indietro rispetto all’Europa? Secondo Simone Bonavita, docente in Trattamento dei Dati Sensibili all’Università degli Studi di Milano occorre fare una duplice riflessione: “Da una parte il Garante Privacy Italiano ha dei componenti di comprovata capacità molto attenti alla tutela degli interessi della collettività e ha intrapreso una serie di attività di sensibilizzazione sui temi connessi alla tutela dei dati personali. Dall’altra parte molte società percepiscono la privacy come un «inutile onere» invece di un’opportunità di ottimizzazione dei processi. Ottimizzare un processo significa aumentare la produttività e questa funzione efficientistica della privacy rappresenta un paradigma non molto noto in territorio italiano. A molte società italiane, inoltre, manca un approccio, nella privacy e nella sicurezza, che sia attento al processo, piuttosto che al compito”.

Uno scenario in continua evoluzione che allarma soprattutto le aziende: secondo l'Allianz Risk Barometer i rischi informatici sono la principale causa di preoccupazione delle imprese nel 2022 con il 44% e hanno superato in classifica le difficoltà di approvvigionamento della supply chain, i disastri naturali, il cambiamento climatico e l’evoluzione della pandemia. Altre conferme arrivano dal Global Cybersecurity Outlook 2022 diffuso dal World Economic Forum che sottolinea questi timori visto che 4 aziende su 10 hanno dichiarato di aver subito attacchi informatici negli ultimi due anni.

Proprio all’interno del report viene citato il termine “Cyber Resilience” come nuovo modello di sicurezza per le aziende: le organizzazioni dovranno sviluppare la capacità di prepararsi, rispondere e riprendersi dagli attacchi informatici visto che ormai le tradizionali misure di sicurezza non sono più sufficienti.

“Ormai la domanda che si devono porre i reparti IT non è se ci saranno attacchi informatici ma quando arriveranno e come sarà possibile limitarne l’impatto sul business aziendale – prosegue Tenconi – I recenti cambiamenti hanno creato una dipendenza informatica senza precedenti e gli hacker stanno cogliendo ogni opportunità per sfruttare le vulnerabilità delle organizzazioni per predisporre nuovi attacchi informatici”.

“Oltre a password complesse, che rimangono la base per prevenire gli attacchi informatici, è il caso di dotarsi di un programma di gestione delle stesse password che possa suggerire il cambiamento con cadenza mensile. Naturalmente occorre diffidare da link e allegati provenienti da mail e messaggi provenienti solo in apparenza da banche e uffici postali e, in ultimo, evitare di diffondere informazioni o dati personali sui social network. E ricordarsi sempre un vecchio concetto di marketing semplice ma fondamentale: se un servizio è gratis, il prodotto sei tu”, conclude Tenconi.

Contents.media
Ultima ora