Quanto tempo bisogna aspettare di rimanere incinta dopo un aborto spontaneo? | Notizie.it
Quanto tempo bisogna aspettare di rimanere incinta dopo un aborto spontaneo?
Salute & Benessere

Quanto tempo bisogna aspettare di rimanere incinta dopo un aborto spontaneo?

L’aborto spontaneo può causare molti sentimenti in coppia. Alcuni si sentono pronti per provare a concepire subito dopo un aborto spontaneo, mentre altri scelgono di aspettare più a lungo. Quando si considera il concepimento dopo un aborto spontaneo, alcune linee guida generali sono consigliate.


Fisicamente
Il corpo prende due o tre mesi per guarire dopo un aborto spontaneo. L’endometrio deve diventare abbastanza forte per portare a termine un altro bambino. Se il rivestimento e l’utero non hanno il tempo giusto per guarire, la gravidanza prossima potrebbe concludersi con un aborto spontaneo.

Mentalmente
L’aborto spontaneo può causare sentimenti di disperazione, vergogna, fatica e dolore. Entrambi i partner dovrebbero essere mentalmenti pronti a concepire di nuovo. Se i sentimenti non passano dopo alcuni mesi, consultare un medico. Provare a concepire una volta che questi sentimenti di depressione sono passati.

Ciclo normale
Il corpo della donna dovrebbe esser tornato ad un normale ciclo mestruale prima di tentare di concepire.

Un ciclo normale può tornare il più presto entro quattro a sei settimane dopo l’aborto spontaneo se non ci fossero ulteriori problemi o infezioni. Attendere il secondo ciclo mestruale consentirà di avere tempo per prevedere l’ovulazione e garantire che il corpo sia completamente guarito.

Aborti multipli
Se due o più aborti spontanei sono stati vissuti, chiedere il parere di un medico prima di provare a concepire di nuovo. Egli può consigliare un test che può aiutare a determinare la causa e contribuire ad assicurare che la gravidanza che segue sia a termine.

Secondo trimestre
Se l’aborto spontaneo ha avuto luogo dopo il primo trimestre di gravidanza, la consultazione del medico è incoraggiata. Aborti in gravidanza avanzata possono avere altre cause che richiedono l’assistenza di un medico.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche