×

Roberto Bolle nudo a Napoli

Condividi su Facebook

Vene avevamo già parlato. Bolle senza veli sul palco del Teatro San Carlo solo per una notte e solo ad esclusivo piacere del pubblico in sala a Napoli. Con questa clausula l’etoile Roberto Bolle aveva accettato di esibirsi nel ruolo di Albrecht nella versione rivisitata dal coreografo svedese Mats Ek di Giselle, il capolavoro di Adolphe-Charles Adam.

Nel teatro erano stati vietati i flash e le macchine da presa. Ma il nudo finisce online catturato probabilmente da un telefono cellulare di uno spettatore. Ecco, per voi lettori di DanzaBlog, Roberto Bolle:

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
3 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Renato
29 Aprile 2010 18:10

Ma è un blog di danza?

La cosa che più
conta è dire che Bolle era nudo?

Di sapere se ha interpretato bene il ruolo e di spiegare perché era nudo non gliene importa nulla a nessuno?

Redazione Notizie.it
29 Aprile 2010 18:17

Ciao Renato, qui abbiamo solo voluto riportare, primi in Italia, il video che poi è stato ripreso anche da TV e giornali. Ovviamente, ha una rilevanza mediatica importante, e non c’entra nulla con la rilevanza artistica che tutti conosciamo di Roberto Bolle. Di cui avremo modo di parlare approfonditamente.

Renato
29 Aprile 2010 21:23

Non mi sarei meravigliato se fosse stato un blog di Gossip.

Tra l’altro non avete fatto che tagliare il video che è su You Tube per mostrare solo la parte, per così dire, più audace, estrapolandola da un contesto che avrebbe potuto invece far vedere meglio cosa porta a quella scena di nudo.

Non me ne vogliate, ma poi che non ci si lamenti se la Danza in Italia è poco considerata.


Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Contents.media