Aids, vaccino italiano abbatte il 90% del virus inattaccabile
Salute & Benessere

Aids, vaccino italiano abbatte il 90% del virus inattaccabile

Un vaccino contro l'Aids messo a punto da ricercatori italiani è in grado di abbattere il 90% del serbatoio del virus inattaccabile da altre terapie.

È un grande passo in avanti per la ricerca scientifica nella battaglia contro l’Aids. Gli esperti hanno dimostrato che la somministrazione ai pazienti sieropositivi del vaccino italiano Tat è in grado di ridurre del 90% il “serbatoio di virus latente”. Tale tipologia di virus è inattaccabile con la sola terapia antiretrovirale (cART) a cui sono normalmente sottoposti i pazienti in questione. Un risultato raggiunto grazie a 8 anni di ricerca. Il vaccino è stato messo a punto da un’équipe italiana guidata da Barbara Ensoli, dell’Istituto Superiore di Sanità. Gli scienziati hanno pubblicato i dati raccolti su Frontiers in Immunology.

Il vaccino contro l’Aids

Secondo quanto riportato da Tgcom24, Ensoli ha dichiarato che grazie a questo vaccino “si aprono nuove prospettive per una cura funzionale dell’Hiv, ossia una terapia in grado di controllare il virus anche dopo la sospensione dei farmaci antiretrovirali. In tal modo, si profilano opportunità preziose per la gestione clinica a lungo termine delle persone con Hiv, riducendo la tossicità associata ai farmaci, migliorando l’aderenza alla terapia e la qualità di vita, problemi rilevanti soprattutto in bambini e adolescenti.

L’obiettivo, in prospettiva, è giungere all’eradicazione del virus“.

Uno studio italiano

Uno studio tutto italiano, condotto grazie alla collaborazione tra le eccellenze di diversi ospedali della penisola. Vi hanno partecipato medici del San Raffaele e del Sacco di Milano, del San Gerardo di Monza, del Policlinico di Modena, dell’Ospedale Universitario di Ferrara, del S.M. Annunziata di Firenze, del Policlinico Universitario di Bari e dell’Istituto San Gallicano di Roma. Gli scienziati hanno monitorato 92 pazienti vaccinati, in un esperimento a lungo termine. L’Istututo Superiore di Sanità ha assicurato che la ricerca di una cura per l’Aids è “un’assoluta priorità della comunità scientifica nazionale”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.